Messina, Coronavirus: ecco le nuove misure stabilite dal Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica

23 Ottobre 2020 Politica

Nella mattinata odierna si è svolta presso la Prefettura di Messina una riunione di Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica, in modalità video conferenza, finalizzata alla disamina delle modalità attuative delle misure per il contenimento del contagio da Covid- 19 introdotte dal D.P.C.M. del 13 ottobre scorso che dispone, tra l’altro, prescrizioni volte a pianificare e implementare i servizi di controllo e vigilanza nel territorio. All’incontro, presieduto dal Prefetto dott.ssa Maria Carmela Librizzi, hanno partecipato il Sindaco di Messina, il Questore di Messina, il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, il Direttore Generale dell’ASP di Messina i sindaci dei comuni di Patti, S. Agata Militello, Barcellona Pozzo di Gotto, Milazzo, Taormina e Capo d’Orlando. In apertura di riunione, il Prefetto ha fatto il punto della situazione ed ha evidenziato che a causa dell’andamento della situazione epidemiologica diventa sempre più crescente l’esigenza di prevenire ogni occasione di assembramento o concentrazione di persone in aree pubbliche, al fine di garantire adeguatamente l’efficacia delle misure di contenimento e di contrasto da contagio da Covid-19. In proposito, il Prefetto ha richiamato il contenuto della recente circolare del Ministero dell’Interno con la quale vengono riconosciuti ai Sindaci i poteri di adottare ordinanze finalizzate alla chiusura di strade o piazze nei centri urbani, dove è maggiormente elevato il rischio che si possano creare situazioni di assembramento. Sullo specifico aspetto, il Sindaco di Messina rappresenta che le maggiori criticità sono connesse alle attività di prevenzione concernenti le aree urbane in cui si concentra principalmente la movida notturna. Il Sindaco, in proposito, ha manifestato l’intenzione di voler adottare un’ordinanza finalizzata a limitare, nel tempo e nello spazio, la circolazione delle persone nel perimetro cittadino in cui si condensano maggiormente nelle ore notturne assembramenti o feste fra i giovani, spesso restii anche al corretto utilizzo dei dispositivi di protezione. Per quanto riguarda le attività scolastiche, ha dichiarato di voler diversificare gli orari di ingresso e di uscita degli studenti al fine di evitare eventuali assembramenti e incrementare il numero delle corse degli autobus, per scongiurare negli orari di punta il sovra-affollamento dei mezzi pubblici di trasporto. In sede di Comitato si è stabilito che in questo weekend verranno rafforzate le misure di contenimento nella zona della movida, mentre nel prossimo fine settimana il Sindaco disporrà con ordinanza l’individuazione di una zona contigua al centro storico (dal Viale Europa al Viale Boccetta) nella quale adottare misure più restrittive circoscritte per fasce orarie. Pertanto, è stata prevista la convocazione per martedì prossimo presso la locale Questura di un tavolo tecnico per il coordinamento dei servizi di controllo. I sindaci dei Comuni insistenti nel litorale ionico e tirrenico della provincia hanno rappresentato allo stato di non dover procedere ad ulteriori limitazioni, ritenendo adeguati i servizi già predisposti dalle Forze dell’Ordine. Il Prefetto ha ribadito come nessuna misura di contenimento possa essere pienamente efficace se non affiancata dalla collaborazione dei cittadini ai fini del distanziamento sociale e dell’utilizzo dei dispositivi di protezione individuali.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione