Porto di Tremestieri, Uil: “L’Autorità di sistema dello Stretto faccia la sua parte e metta all’ordine del giorno dell’Organismo di Partenariato la verifica sullo stato dei lavori della grande infrastruttura”

26 Ottobre 2020 Politica
La Uil e la UIltrasporti di Messina tornano a puntare i riflettori sui ritardi nei lavori del porto di Tremestieri e chiedono all’Autorità di Sistema dello Stretto e al suo Presidente ing. Mario Mega di avviare un’operazione verità sulle prospettiva della fondamentale opera infrastrutturale, ma anche in merito alla stesura di un credibile nuovo crono-programma che ne definisca i tempi di avvio e di completamento.
“Il porto di Tremestieri rappresenta l’opera più importante del piano operativo triennale dei porti 2020-2021 da poco  approvato dall’Adsp dello Stretto - dichiarano Ivan Tripodi segretario generale Uil Messina e Michele Barresi con Nino Di Mento segretari UIltrasporti - un’infrastruttura in gran parte finanziata dall’Autorita di sistema che, pertanto, ha il diritto ed il dovere di pretendere e fare chiarezza sui ritardi dei lavori che da tempo denunciamo“.
I cantieri del porto a sud sono stati avviati in pompa magna dal sindaco De Luca il 9 novembre 2018 e nell’occasione il primo cittadino annunció il completamento dell’opera entro “due anni meno un giorno”. “Dovendo dare credito agli annunci del sindaco De Luca l’opera dovrebbe essere completata il prossimo 8 novembre - proseguono i sindacalisti- ma nel cantiere si vede ben altro e lo stesso assessore ai LL.PP. del comune di Messina Mondello durante un sopralluogo ha dichiarato che lo stato dei lavori è giunto appena al 7%. Reputiamo necessario nell’interesse della città e dei lavoratori  che si apra subito un dovuto confronto in sede di Autorità di Sistema - concludono Uil e UIltrasporti- e, pertanto, avanzeremo la richiesta già nella prossima seduta dell’Organismo di partenariato della risorsa mare prevista per domani 27 ottobre. È venuto il momento della chiarezza per smascherare le chiacchiere e l’inadeguatezza del sindaco De Luca” hanno concluso Tripodi, Barresi e Di Mento.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione