Picchia e segrega la moglie in casa. Domiciliari per un 35enne messinese​

27 Ottobre 2020 Cronaca di Messina

È stata eseguita nei giorni scorsi l’ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal GIP presso il Tribunale di Patti, a carico di un trentacinquenne messinese resosi responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni ai danni della moglie.

La misura scaturisce da un’attenta indagine dei poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Patti, sotto le direttive della locale Procura della Repubblica, che ha evidenziato la condotta vessatoria dell’uomo nei confronti della moglie.

Sono emersi numerosi episodi di maltrattamenti fisici e morali, spesso riconducibili a ubriachezza abituale e più volte degenerati nel corso degli anni in aggressioni che hanno causato alla vittima ripetute lesioni. Episodi ancor più gravi perché verificatisi mentre la donna era in stato di gravidanza o alla presenza dei figli minori.

L’ossessiva gelosia dell’uomo imponeva alla vittima a vivere in uno stato di isolamento crescente e sotto sorveglianza continua, spesso obbligata a registrare video in cui era costretta a dichiarare di essere affetta da disturbi psichici e di essere quindi lei la responsabile della situazione.

L’incubo ha avuto fine quando la donna è riuscita a scappare ed ha chiesto aiuto alla Polizia di Stato, presentando proprio uno di quei video registrati dal marito.

La misura è stata eseguita con la collaborazione degli agenti del Commissariato Distaccato di Pubblica Sicurezza Anzio Nettuno dove l’uomo attualmente ha domicilio.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione