Messina, scoperto un allevamento abusivo di cavalli e suini a Pistunina

29 Ottobre 2020 Cronaca di Messina

La Polizia Specialistica comandata dal comandante vicario commissario Giovanni Giardina e la squadra Spieggia e Torrenti coordinata dall'ispettore Giacomo Visalli è intervenuta, unitamente ai medici veterinari dell'Asp di Messina, presso l'allevamento abusivo sottoposto a sequestro giudiziario il 21 luglio scorso.

Questi ultimi hanno provveduto all'apposizione degli orecchini identificativi ai suini presenti nella stalla, abusivamente realizzata con materiale precario nell'areline di Pistunina, ed al prelievo ematico degli animali per la verifica delle condizioni di salute degli stessi.

Subito dopo gli agenti e i veterinari si sono portati in una proprietà ove erano stati individuati, nei giorni precedenti, dei suini riconducibili allo stesso soggetto e precedentemente sottratti dalla sopraddetta stalla. La stessa procedura identificativa è stata operata nei confronti dei 19 suini rinvenuti che verranno, con molta probabilità, affidati in custodia ad una nota azienda agricola di Pace del Mela, in attesa della adozione definitiva individuate da varie associazioni animaliste.

Insieme ai suini sono stati rinvenuti anche 3 cavalli, ancora oggetto di indagini e per i quali si procederà con le dovute cure veterinarie ed una idonea sistemazione presso un centro ippico locale.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione