OPERAZIONE ‘DOMINIO’: ANNULLATA LA CONDANNA PER ASSOCIAZIONE MAFIOSA AD ALFREDO TROVATO

30 Ottobre 2020 Inchieste/Giudiziaria

La seconda sezione penale della Cassazione s’è occupata di sette imputati che in appello nell’ottobre del 2019 vennero tutti condannati a pene pesanti per l’operazione Dominio, ovvero la riorganizzazione del clan di Mangialupi, la cui pressione mafiosa su tutto il territorio di Gazzi e Provinciale fu stroncata alla fine del marzo 2017 da un’operazione della Distrettuale antimafia di Messina e della Guardia di Finanza. Tra loro i due “capi”, ovvero il noto imprenditore dolciario Domenico La Valle, che era titolare di un bar a ridosso dello stadio “Celeste”, e Alfredo Trovato. Il primo era ritenuto il coordinatore delle attività illegali della cosca mafiosa, che affondavano le radici nel settore imprenditoriale. Dell’aspetto operativo, invece, si occupavano i fratelli Trovato.

E proprio per Alfredo Trovato, i giudici, hanno accolto parzialmente l’istanza del suo difensore, l’avvocato Salvatore Silvestro, e hanno annullato la condanna d’appello limitatamente al reato di associazione mafiosa, mentre per i reati legati al traffico di droga la pena diventa adesso definitiva. In Cassazione i sette imputati sono stati assistiti oltre che da Silvestro anche dagli avvocati Antonello Scordo e Tancredi Traclò. Un annullamento parziale, con rinvio per celebrare un nuovo processo a Reggio Calabria, hanno registrato poi Domenico La Valle, Francesco Laganà e Paolo De Domenico. Annullamento parziale anche per Salvatore Trovato (la motivazione è quella di un “precedente giudicato”), e per Davide Romeo e Giovanni Megna. Le loro posizioni per la rimodulazione della pena saranno trattate sempre dalla corte d’appello di Reggio Calabria. In Cassazione sono state trattate posizioni di imputati che a suo tempo hanno scelto due strade processuali diverse, chi con il rito ordinario chi con l’abbreviato.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione