Messina: Siracusano (FI), maggioranza vuole rinvio pdl per stop baraccopoli, una sciagura per la città dello Stretto

3 Novembre 2020 Politica

“Questo pomeriggio - dopo l’audizione dell’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) di Messina - si è riunito l’ufficio di presidenza della Commissione Ambiente della Camera per fare il punto sul percorso parlamentare della proposta di legge per cancellare le baraccopoli della città dello Stretto, il cui approdo in Aula a Montecitorio sarebbe previsto per lunedì 16 novembre.​
La presidente Rotta ha chiesto il parere dei gruppi in merito alla possibilità di terminare le audizioni la prossima settimana, adottando così subito dopo il testo base del provvedimento.​
Con mio grande stupore e dispiacere ho dovuto constatare che i capigruppo del Movimento 5 Stelle, del Partito democratico e di Italia Viva hanno chiesto di rinviare tutto, a data da destinarsi, accampando la scusa dell’inizio della sessione di bilancio.
Nonostante gli annunci del governo, è a nostro avviso davvero improbabile che la manovra possa arrivare alla Camera prima del 16 novembre, e secondo Forza Italia si può tranquillamente procedere nell’esame di questa pdl, magari rinunciando a qualche audizione e velocizzando, così, l’iter.
Se la maggioranza ha una posizione pregiudiziale, questo mese si rischia di fallire l’appuntamento con l’Aula. Ciò vuol dire allungare incredibilmente i tempi per l’approvazione della legge in questo ramo del Parlamento. Io credo che sia un pericolo e una sciagura per Messina e per i suoi cittadini.
Ogni mese di ritardo è un mese in più in cui condanniamo 8mila persone a vivere in condizioni disperate, tra fogne e tetti in eternit. Chi vuole tutto questo si assuma la responsabilità politica delle proprie scelte”.

Così Matilde Siracusano, deputata messinese di Forza Italia.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione