OPERAZIONE CESARE: Spaccio, al vertice una donna che usava il figlio di dodici anni come pusher

11 Novembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Tra gli arrestati dell'operazione Cesare contro il clan messinese Galli ci sono i componenti di due gruppi criminali che gestivano il traffico di droga a Messina. Uno, a composizione familiare, operava nei rioni Villaggio Aldisio e Fondo Fucile, nella zona sud della città.

Al vertice c'era una donna che usava il figlio di 12 anni per le consegne delle dosi sperando di evitare così i controlli delle forze dell'ordine. Il minore è stato affidato dal Tribunale dei minori a una comunità familiare, la madre è finita in carcere.

L'altro gruppo criminale capeggiato da Carlo Altavilla operava sia nel rione messinese di Giostra che a Santa Lucia Sopra Contesse, rifornendosi di grossi quantitativi di cocaina e marijuana in Calabria e Campania, per poi distribuirli al dettaglio attraverso una rete di pusher.

Lo smistamento della droga avveniva anche all'interno di un negozio di barbiere gestito da due complici. Le indagini hanno fatto emergere anche episodi di estorsione per il recupero di crediti delle narco-transazioni.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione