Si è spento a 89 anni Monsignor Camarda

12 Novembre 2020 Cronaca di Messina

Si è spento oggi all’età di 89 anni nella casa di ospitalità “Collereale” dove risiedeva ormai da parecchi anni monsignor Salvatore Camarda, cancelliere storico della Curia arcivescovile di Messina.

Ordinato presbitero il 7 agosto 1955 per imposizione delle mani dell’allora vescovo coadiutore monsignor Guido Tonetti, prima dell’incarico in Cancelleria, fu chiamato a ricoprire l’incarico di vice parroco nella comunità di S. Elena.

E’ stato rettore della chiesa di “S. Francesco dei Mercanti” in via S. Agostino e cappellano coadiutore dei carabinieri e della Polizia municipale, ruolo quest’ultimo nel quale gli è succeduto l’adorato pronipote padre Gianfranco Centorrino.

Un ricordo commosso ma colmo di gratitudine quello del parroco del santuario del Carmine, il quale deve allo zio la nascita della sua vocazione, in uno degli innumerevoli pellegrinaggi che monsignor Camarda organizzava a Lourdes. Negli anni trascorsi in Curia gestiva i rapporti fra le istituzioni e i vescovi che si sono succeduti da Pajino a Fasola, da Cannavò (con cui ha avuto un rapporto fiduciario) a Marra e per un periodo La Piana.

Era stato nominato canonico del Capitolo protometropolitano della Cattedrale e prelato d’onore di Sua Santità. Giornalista pubblicista, ha spesso collaborato con la Gazzetta per la quale ha redatto numerosi articoli sulla storia religiosa di Messina. Le esequie saranno officiate in Cattedrale dall’arcivescovo Giovanni Accolla venerdì alle 10.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione