Operazione Dinastia, torna in carcere Massimiliano Munafo’

19 Novembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Quest’oggi i Carabinieri del ROS e del Comando Provinciale di Messina hanno dato esecuzione ad un’ordinanza del Tribunale del Riesame che ha ripristinato la custodia cautelare in carcere per il barcellonese MUNAFÒ Massimiliano.

MUNAFÒ, già  destinatario dell’ordinanza di custodia cautelare c.d. GOTHA 7 del gennaio 2018,    era stato raggiunto da un nuovo provvedimento restrittivo il 28 febbraio 2020 nell’ambito dell’operazione c.d. DINASTIA, condotta dai militari dell’Arma sotto il coordinamento della D.D.A. di Messina, che aveva portato, complessivamente, all’arresto di 59 persone ritenute responsabili – a vario titolo – dei delitti di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, violenza e minaccia. In tale contesto, al MUNAFÒ era stato contestato il delitto di estorsione aggravata dal c.d. metodo mafioso.

Il 20 marzo 2020 il G.l.P. del Tribunale di Messina aveva sostituito la misura della custodia in carcere con quella degli arresti domiciliari ma il Tribunale del Riesame, accogliendo il ricorso della Procura, ha ritenuto che – considerata la gravità dei fatti contestati e la sanzione applicabile all'esito del giudizio, al MUNAFÒ dovesse essere applicata la misura del massimo rigore.

 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione