Operazione “Scipione”, traffico di droga tra Sicilia e Calabria: chieste 11 condanne

19 Novembre 2020 Cronaca di Messina

L'accusa ha chiesto condanne per un totale di poco meno di 110 anni di carcere nel processo a Messina dell'operazione antidroga "Scipione" scattata lo scorso marzo. Al centro dell'inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Messina un gruppo che si riforniva di droga in Calabria. Al vaglio del gup Valeria Curatolo il troncone con il rito abbreviato. Il pubblico ministero Antonella Fradà ha chiesto 11 condanne che vanno dai 2 ai 20 anni. Le indagini dei carabinieri sono state avviate a seguito di due ferimenti. Nel corso degli accertamenti è emersa l'esistenza di un gruppo che spacciava droga a Messina e che aveva contatti con calabresi di Africo Nuovo. Questi assicuravano la consegna a domicilio settimanale di carichi di marijuana e cocaina.

Il rappresentante dell'accusa ha chiesto, in particolare, per Angelo Albarino 20 anni, per Giovanni Bonanno 12 anni, per Fortunato Calabro 3 anni, per Santo Chiara 12 anni e 6 mesi, per Giuseppe Coco 6 anni, per Orazio Famulari 8 anni e 8 mesi, per Costantino Favasuli 10 anni e 3 mesi, per Salvatore Favasuli 14 anni e 3 mesi, per Stefano Marchese 8 anni e 2 mesi, per Giovanni Morabito 12 anni e 3 mesi, e per Maria Visalli 2 anni e 6 mesi. Il processo prosegue per gli interventi dei difensori gli avvocati Nunzio Rosso Giuseppe Abbadessa, Salvatore Silvestro, Carlo Autru Ryolo Giuseppe Donato e Giuseppe Bonavita.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione