19 CONSIGLIERI COMUNALI SI RIBELLANO ALLE ORDINANZE DI DE LUCA: IL SINDACO FACCIA UN PASSO INDIETRO

24 Novembre 2020 Politica

Su iniziativa del gruppo consiliare del PD, 19 Consiglieri comunali, appartenenti trasversalmente a forze politiche di centrosinistra e centrodestra, hanno firmato una richiesta urgente indirizzata al Sindaco di Messina, finalizzata alla modifica delle recentissime ordinanze 339 e 340 del 20 e 21 novembre u.s. In sostanza i 19 Consiglieri chiedono l’apertura di tutti gli esercizi commerciali fino alle 19.30 (non più 19.00) con tolleranza fino alle 20.00, il proseguimento dell’attività di vendita da asporto di prodotti alimentari nell’ambito della ristorazione fino alle 22.00 (non più fino alle 19.00) anche nei giorni feriali (e non solo nei giorni festivi), la revoca del divieto di incontro con clienti e pubblico per tutti gli studi professionali (finora imposto alle 19.00) di ogni giorno settimanale. Ancora i Consiglieri chiedono la chiusura, con finalità anti assembramento, delle principali piazze del centro (Piazza Antonello, Piazza Duomo, Piazza Unione Europea, Piazza Cairoli, Piazza del Popolo, Piazza Castronovo, Piazza San Vincenzo) dalle 19.30 fino alle 5.00 del mattino seguente, con esenzione per residenti nelle piazze e vie limitrofe, per chi le deve percorrere per motivi di lavoro, o di acquisto cibo da asporto fino alle 22.00, o medicinali, o per altre cause di necessità. Per quanto riguarda i controlli anti assembramento, i consiglieri richiedono l’utilizzo per le vie del centro degli ausiliari del traffico, e una maggiore presenza dei Vigili urbani nelle zone periferiche e collinari della città. Al fine di concordare preventivamente eventuali ulteriori adozioni di misure che incidono sulle libertà dei messinesi e sul tessuto economico sociale della città, i 19 firmatari chiedono l’instaurazione di un tavolo di crisi permanente tra il Sindaco e tutti i Consiglieri comunali, fino alla fine della crisi pandemica in corso.

I firmatari sono: Antonella Russo (foto), Gaetano Gennaro, Felice Calabrò, Alessandro Russo, Andrea Argento, Cristina Cannistrà, Giuseppe Fusco, Paolo Mangano, Giuseppe Schepis, Giandomenico La Fauci, Francesco Pagano, Giovanni Caruso, Benedetto Vaccarino, Salvatore Sorbello, Pietro La Tona, Giovanni Scavello, Placido Bramanti, Daria Rotolo, Nino Interdonato.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione