Mercati biologici, Cristina Cannistrà: «Si sposti temporaneamente il giorno di apertura al sabato»

24 Novembre 2020 Politica

Spostare temporaneamente, preferibilmente nella mattina di sabato, il giorno di apertura dei mercati biologici di Piazza Casa Pia e Piazza Lo Sardo, come già avvenuto lo scorso maggio.

È la richiesta avanzata al sindaco Cateno Cateno De Luca e all’assessore alle Attività Produttive Dafne Musolino dalla consigliera comunale del M5s Cristina Cannistrà, a fronte delle limitazioni imposte dall’ordinanza regionale del 19 novembre, che impone la chiusura di tutte le attività commerciali, compresi i mercati rionali, nei giorni festivi e domenicali.
«Già nella prima fase dell’emergenza Covid – spiega –  a seguito di un sollecito da parte della scrivente, il primo cittadino aveva disposto l’anticipazione al sabato per l’attività di vendita di prodotti alimentari di provenienza biologica e a km 0 dei due mercati cittadini, che rappresentano una ricchezza per il territorio e offrono un servizio gradito dalla cittadinanza, rafforzando la cosiddetta “filiera corta”. Un provvedimento che chiedo venga attuato anche adesso, quantomeno fino al prossimo 3 dicembre,  giorno della scadenza dell’ordinanza regionale attualmente in vigore», conclude.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione