L’Associazione Nazionale dei Commercialisti: “De Luca ritiri l’ordinanza. È illegittima”

27 Novembre 2020 Cronaca di Messina

Anche l’Associazione Nazionale dei Commercialisti interviene sull’ordinanza del sindaco di Messina Cateno De Luca che istituisce il “coprifuoco professionale alle 19”. Francesco Vito, responsabile siciliano dell’ANC, ricorda in una nota “le enormi difficoltà che a causa dell’emergenza attraversano le imprese e i contribuenti e l’estenuante lavoro che i consulenti fiscali stanno portando avanti per supportarli”.

“Con le scadenze all’orizzonte, il 30 novembre l’autotassazione e il 10 dicembre le rate della rottamazione del saldo e stralcio – sostiene – l’impossibilità di incontrare i clienti dopo le 19 rischia di paralizzare l’attività dei commercialisti”.

Vito chiede quindi la revoca del provvedimento per consentire ai cittadini di rispettare le scadenze. “L’ordinanza non è legittima, il sindaco non può intervenire sulle categorie professionali. Non è fondata: non ci sono ragioni sanitarie che la motivino. Non è utile ma è anzi dannosa. Lo sanno bene le tante partite iva, i commercianti, gli imprenditori e i contribuenti che insieme a noi stanno facendo i salti mortali per arrivare a fine anno”, prosegue.

“Il sindaco quindi la ritiri, anche per evitare di spendere il denaro dei contribuenti per far fronte ai probabili e fondati contenziosi che arriveranno a pioggia”, conclude.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione