2 Dicembre 2020 Giudiziaria

MESSINA: LA DIA NEL CANTIERE PER I LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DEL TORRENTE CATARATTI-BISCONTE

Il ‘Gruppo Interforze’ della Prefettura, che vede la partecipazione di appartenenti alla Dia, della Questura e dei Comandi Provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Messina, coadiuvati dalla Direzione Territoriale del Lavoro e del Provveditorato OO.PP, ha dato esecuzione al decreto in virtù del quale il Prefetto di Messina ha disposto l’accesso ispettivo all’interno del cantiere per i lavori di riqualificazione ambientale e risanamento igienico dell’alveo del torrente Cataratti-Bisconte.

Si tratta di un appalto commissionato dal Commissario di Governo contro il dissesto idrogeologico nella Regione Siciliana. I lavori per la riqualificazione dell’area del torrente Catarratti Bisconte sono stati consegnati il 22 ottobre dell’anno scorso alla associazione temporanea di imprese Consorzio Stabile P.C. Ciesseci srl di Maletto. L’importo è di 15.826.012,10 euro.

L’opera finanziata dalla Regione servirà ad azzerare il rischio idrogeologico (oggi è massimo essendo catalogato R4) di una porzione significativa della città. Si tratta di due chilometri di asta torrentizia che corrono paralleli alla strada.

I lavori sono già ad un discreto stato di avanzamento. Una parte significativa della condotta fognaria è stata spostata dall’alveo alla strada e centinaia di pali sono stati già posizionati per rinforzare gli argini. Solo gli ultimi 200 metri saranno tombati.

L’accesso al cantiere, effettuato in maniera da non ostacolare la normale attività del cantiere – ha la finalità di controllare l’impresa esecutrice dei lavori, i cui rapporti contrattuali di fornitura, nolo ed eventuale subappalto, nonché le maestranze identificate ed i mezzi d’opera individuati, saranno oggetto di accertamenti e riscontri al fine di rilevare, nel contesto dell’ordinaria attività di prevenzione del ‘Gruppo Interforze, eventuali criticità.