Violenza sessuale su una bambina: condannato a 8 anni

5 Dicembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Il giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Patti Andrea La Spada, al termine del giudizio abbreviato, ha condannato a 8 anni e 2 mesi di reclusione il pensionato originario di Barcellona, A. M., 64 anni, residente a Falcone (di cui non riveliamo l'identità per impedire l'identificazione della vittima delle violenze), il quale è stato riconosciuto colpevole di violenza sessuale aggravata nei confronti di una bambina in età scolare. Lo stesso giudice, oltre a condannare l'uomo alla pena accessoria dell'interdizione perpetua, ha stabilito che lo stesso dovrà risarcire i genitori della bambina che che si sono costituiti parte civile con gli avvocati Giuseppe Ciminata e Gaetano Pino. Lo stesso imputato è stato condannato anche a corrispondere una provvisionale immediatamente esecutiva di 10 mila euro in favore della genitrice della vittima. Per l'imputato, difeso dagli avvocati Antonino Aloisio e Cristian Mazzeo, che dallo scorso 13 maggio si trova rinchiuso in carcere, in precedenza il pubblico ministero Alice Parialò che ha coordinato le indagini effettuate dai carabinieri della stazione di Falcone al comando del maresciallo Angelo Floramo, aveva chiesto ed ottenuto dal Tribunale un decreto con il quale era stato disposto il processo con il “giudizio immediato” - rito questo che consentiva di superare la fase dell'udienza preliminare.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione