Antoci su sentenza tedesca: ”Europa comprenda meglio lotta alla mafia. Sentenza grave affronto e preoccupazione”

6 Dicembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Il tribunale tedesco ha respinto il ricorso di Maria Falcone, sorella del magistrato ucciso insieme alla moglie e alla sua scorta nella strage di Capaci, presentato contro il proprietario di una pizzeria di Francoforte che ha intestato il suo locale a “Falcone e Borsellino”. “Sono passati quasi 30 anni dalla morte di Falcone e il tema della lotta alla Mafia non sarebbe più così sentito tra i cittadini. Inoltre - prosegue la sentenza - il giudice ha operato principalmente in Italia, e in Germania sarebbe noto solo a una cerchia ristretta di addetti ai lavori e non alla gente comune". “Questa sentenza rappresenta un affronto e una grande preoccupazione. Forse in Germania si sono già dimenticati delle nostre stragi ma anche delle loro. La strage di Duisburg non ha insegnato loro nulla? - dichiara Giuseppe Antoci, Presidente Onorario della Fondazione Caponnetto ed ex Presidente del Parco dei Nebrodi scampato ad un attentato mafioso nel maggio 2016. - I proprietari non volevano certo rendere onore ai due magistrati visto che hanno appeso all'interno del locale insieme alla foto che ritrae i due giudici uccisi dalla mafia anche l’immagine di don Vito Corleone protagonista del film Il Padrino. “Adesso - continua Antoci -Maria Falcone, alla quale va tutta la nostra solidarietà, andrà avanti appellandosi alla sentenza e ci auguriamo che la giustizia tedesca ponga rimedio a questa ingiusta decisione”.“Delegazioni di tutto il mondo a ottobre scorso e per 4 giorni hanno discusso di lotta alle mafie - continua Antoci - rinnovando e migliorando quanto sancito dalla Convenzione di Palermo nel 2000. Per la prima volta si fa riferimento, in una risoluzione, al contributo di un singolo scrivendo: “la sua eredità sopravvive attraverso l’impegno globale per la prevenzione e la lotta alla criminalità organizzata”. Un’eredità, quella di Falcone, che ha ottenuto un grande riconoscimento ma che deve rappresentare per tutti noi un forte e rinnovato impegno di lotta alle mafie. Mi auguro che se ne ricordino i Giudici Tedeschi nella sentenza di appello - conclude Antoci.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione