NATALE: Ecco come l’Amministrazione addobberà la città

7 Dicembre 2020 Cronaca di Messina

Cinque installazioni artistiche luminose collocate in tutto il centro città: Duomo,Palazzo Zanca, Piazza Cairoli, Piazza Repubblica e Piazza Basicò. Le cinque location scelte saranno “idealmente unite da ‘percorsi luminosi’ che costeggeranno le vie interessate, e non solo”, si legge sul comunicato stampa del Comune di Messina, che spiega come saranno illuminate in particolare le facciate delle principali strutture delle zone scelte.

“Abbiamo pensato di offrire alla città uno spettacolo, come quello dell’illuminazione artistica, che nessun DPCM ci potrà mai vietare”, ha affermato l’Assessore agli Spettacoli Francesco Gallo promotore dell’iniziativa. E aggiunge: “Uno Spettacolo che rappresenta un’importante innovazione e potrà estendersi in futuro ad altre location”.

Alla proposta dell’Assessore hanno risposto i vertici delle società partecipate della Città di Messina: Atm, Messina Servizi, Amam e Messina Social City con i loro presidenti Giuseppe Campagna, Giuseppe Lombardo, Salvo Puccio e Valeria Asquini.

ATM, in collaborazione con AreaOdeon, si occuperà del Duomo e di Piazza Cairoli. Le due installazioni, firmate da Marcello Arosio, sono state concepite con due approcci agli antipodi: classica e tradizionale la prima, moderna e dinamica la seconda.  La facciata della Duomo sarà velata da una proiezione dinamica di elementi grafici natalizi, che si adageranno su bassirilievi e decorazioni. La “griglia” di Piazza Cairoli ospiterà una coreografia di luce contemporanea a due livelli coordinati: uno con degli accenti cromatici sugli elementi archetipi della struttura, l’altro di grande respiro spaziale e visibile dalla grande distanza, composto da una serie di corpi luminosi mobili disposti sulla parte più alta della pensilina, che con potenti fasci di luce daranno vita a geometrie luminose che danzeranno nell’area.

Messina Servizi, insieme alla società Projetta, metterà in risalto il prospetto di Palazzo Zancacon effetti luminosi dinamici sul tema del Natale mentre AMAM in collaborazione  con l’artista locale Vincio Siracusano, ha partecipato con due installazioni dedicate all’acqua. La prima sarà in Piazza Repubblica: “gocce di luce” saranno proiettate direttamente nell’acqua nebulizzata, dando l’illusione ottica di scie luminose che si innalzano nell’aria. Nella seconda, in Piazza Basicò, 2500 Led ricostruiranno il flusso originale della fontana Falconieri. Grazie ad un lavoro di programmazione studiata ad hoc, i cambi di colore (sfumature) e di velocità restituiranno allo spettatore la sensazione della gravità e dello scorrere dell’acqua.

 

Al progetto partecipa anche Messina Social City, in collaborazione con AreaOdeon, “con un’idea dal significato simbolico e rivolta al sociale: saranno distribuiti 5.000 kit-regalo tra gli utenti della partecipata. Un “gioco” attivo con il quale colorare e “costruire” la propria luce, che coinvolgerà contemporaneamente migliaia di persone alle quali verrà richiesto di condividere online e offline la propria opera – spiegano sul comunicato – Un momento di “aggregazione” a distanza che avrà quale obiettivo finale quello di piccole “scatole” di luce in tutta la città”.

Le installazioni saranno accese in giorni diversi ma non sarà diffuso un calendario con le date. “Una strategia necessaria per evitare assembramenti”, dichiara ancora l’Assessore Gallo. E assicura: “Rimarranno accese fino a gennaio, ci sarà tutto il tempo di godersele con calma”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione