MessinAccomuna: «Ma De Luca non è il massimo responsabile della salute pubblica nella città?»

16 Dicembre 2020 Politica

«Prima era la Ministra Lamorgese, poi il Premier Conte, dopo ancora il Presidente Musumeci. Ora, di fronte alla seconda ondata di pandemia da coranavirus, il Sindaco De Luca spara a zero sull’Asp di Messina. Cosa ha indotto il primo cittadino a contestare duramente tutta l’organizzazione sanitaria della nostra città? La gestione dei posti letto, dell’esecuzione dei tamponi, del controllo dei contagi e chi più ne ha più ne metta. Ma De Luca lo ha più volte ribadito durante la prima ondata, urlandolo ai quattro venti: è lui il massimo responsabile della salute pubblica nella città». A scriverlo, in una nota, sono i rappresentanti del laboratorio di partecipazione politica MessinAccomuna, che commentano i recentissimi attacchi di Cateno De Luca all’Azienda sanitaria provinciale.

«In tutto questo tempo, soprattutto in estate, quando la situazione era più tranquilla – si chiedono – cosa ha fatto il Sindaco ed il suo assessorato competente, per assicurare l’organizzazione ed il raccordo con le strutture sanitarie in vista di una probabile e annunciata seconda ondata? Non molto, per non dire niente, a giudicare dai mille problemi relativi ai ricoveri, ai tamponi, alla gestione dei tracciamenti e dei contagiati in quarantena domiciliare e così via. Se chiede le dimissioni di La Paglia, deve essere conseguenziale e assumersi anche lui le sue responsabilità. Quando il Presidente Musumeci è stato in visita a Messina lo avrebbe dovuto incontrare, formulando nel leale (parola che De Luca sembra non conoscere) rapporto di collaborazione tra istituzioni (anche su questo vocabolo sembra difettare non poco) le sue proposte operative sulla gestione dell’emergenza sanitaria, prima ancora delle sue invettive personali contro il “nemico” di turno. Invece ha preferito scappare».

«Facile – concludono – tirarsi fuori e sparare nel mucchio anziché intraprendere un’azione sinergica con le strutture sanitarie al fine di risolvere i tanti problemi. Facile dire sempre che ci colpa qualcun altro. I cittadini di Messina, da un Sindaco che rivesta con dignità e competenza questa alta carica, si aspettano azioni, responsabilità, iniziative operative, non urla e strepiti, De Luca ne è capace? Probabilmente no».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione