MESSINA: Silvia Bosurgi guiderà la neonata “Unime”

17 Dicembre 2020 Sport

Ha preso corpo la nuova partecipata dello sport dell'Università. Il consiglio d'amministrazione dell'Università di Messina ha approvato la nomina dei componenti del board della neonata società sportiva dilettantistica “Unime”, chiamata a subentrare al Cus Unime nella gestione degli impianti sportivi della Cittadella universitaria. A guidare la nuova compagine sarà la campionessa olimpica Silvia Bosurgi. Con lei compongono il consiglio d'amministrazione Giuseppe Fabrizio Quattrone e Pietro Ambra. Questa società diretta emanazione dell'Ateneo dovrà occuparsi delle attività sportive all'interno della cittadella dell'Annunziata destinate al pubblico non universitario. Una platea vasta e che rappresenta l'80% dei frequentatori del campus. «Una società affiliata al Cusi - ha commentato il Rettore Salvatore Cuzzocrea - invece si occuperà dello sport universitario gestendo spazi e orari in base alle necessità. Il controllo della Cittadella resterà all'Università». In questi giorni il Cusi ha restituito gli impianti all'Università chiudendo un durissimo scontro con il Cus Unime, culminato con l'intervento degli ispettori inviati dal Cusi. La delicata situazione debitoria del sodalizio nato 7 anni fa, adesso dovrà essere vagliata dai suoi soci per verificare come possa proseguire la sua attività. “La mission è quella di rilanciare a 360 gradi lo sport alla Cittadella universitaria- ha detto Silvia Bosurgi-. Le attività sportive universitarie ripartiranno non appena possibile, dando continuità a quelle già presenti nella struttura». Revisore legale e dottore commercialista, Giuseppe Fabrizio Quattrone, ricopre la carica di amministratore di società a totale partecipazione pubblica. Pietro Ambra, laureato in giurisprudenza, ha maturato un'esperienza significativa in attività di partnership commerciali, sponsorship, nel Calcio Catania.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione