Covid Messina, focolaio al Dipartimento Cimiteri. Minutoli: “Ci siamo mossi subito”

30 Dicembre 2020 Politica

“L’Assessorato competente, venuto a conoscenza, per il tramite di un dipendente della Polizia Mortuaria, che una persona era stato risultata positiva al tampone rapido, ha contattato il responsabile del servizio Cimiteri per invitare tutti i dipendenti a recarsi immediatamente ad effettuare un tampone al drive in del Gasometro, dopo avere concordato con i responsabili dell’Asp le modalità di accesso straordinario alla struttura”.

Così l’assessore Massimo Minutoli, dopo la notizia del focolaio al Dipartimento cimiteri.

“Il dirigente dei servizi Ambientali ed i responsabili del Servizio Cimiteri sono stati prontamente contattati dal mio Assessorato – prosegue – per invitarli ad avviare tutte le segnalazioni agli uffici competenti, nonché avviare le procedure di intervento previste dalla normativa vigente. Infatti, sono stati immediatamente sanificati tutti gli uffici del plesso di via Catania. La tempestività c’è stata, così come l’attenzione al rispetto delle norme è confermata dal proseguimento dell’immediata azione di contrasto posta in essere, in quanto verranno ripetuti i tamponi per quei soggetti risultati negativi al primo tampone rapido”.

In merito alla collocazione in isolamento del personale, “saranno le indagini epidemiologiche a stabilire come procedere, così come meglio specificato nelle direttive del Ministero della Salute, nei Dpcm e nelle varie circolari emanate dalla Regione Siciliana”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione