La Polizia municipale sequestra una discarica abusiva a Piazza D’Armi. Denunciata coppia di coniugi

31 Dicembre 2020 Cronaca di Messina

Continua incessante l’attività della polizia specialistica diretta dal comandante vicario commissario Giovanni Giardina con l'attività repressiva ad opera della sezione di Polizia Ambientale coordinata dall'ispettore Giacomo Visalli, attività ​ particolarmente frenetica nelle ultime ore, a seguito della segnalazione di una discarica a Piazza D'armi. ​

Al fine di rintracciare ed assicurare alla giustizia gli autori dell'ultimo atto scellerato ovvero l'abbandono su suolo pubblico di rifiuti speciali pericolosi provenienti da un'appartamento della zona nord della città, gli uomini dell'ispettore Visalli hanno svolto una delicata attività d'indagine al completamento della quale sono stati rintracciati i protagonisti della vicenda. Ricoverato l'anziano padre, presso una casa di cura cittadina, i figli hanno affidato il compito di liberare l'appartamento da suppellettili, elettrodomestici, ​masserizie ma anche ​effetti personali quali attestati, documenti, diari ed altro, ad una coppia di coniugi. Questi, caricato il materiale sul furgone di proprietà, lo hanno trasportato a Piazza D'armi S.P. 42 dove non hanno esitato a scaricarlo la suolo realizzando di fatto una discarica abusiva.

Tra i rifiuti sono stati rinvenuti ​ anche latte di vernice/smalto, mobili e materiali plastici. I familiari dell'anziano,  ricoverato e quindi ignaro di tutto, e i due coniugi, che materialmente hanno raccolto e trasportato i rifuti, senza essere in possesso delle prescritte autorizzazioni, ed infine ​ abbandonato al suolo, sono stati deferiti all'autorità giudiziaria mentre il veicolo utilizzato per il trasporto e l'area sono stati sottoposti a sequestro giudiziario.

Grande soddisfazione espressa dal comandante Giardina per la rapida attività investigativa, svolta dagli agenti, che ha permesso in poche ore di ricostruire la vicenda e rintracciare gli autori del reato.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione