Lockdown a Messina: Massimo Rizzo, il balletto dei colori (e delle responsabilità) ha creato confusione

11 Gennaio 2021 Politica

Il balletto dei colori (e delle responsabilità) ha creato confusione. Continui cambi di strategia, in contraddizione continua. Sembra esserci una battaglia tra i sostenitori del diritto alla salute e quelli che intendono tutelare l’economia. Un atteggiamento errato che non produce risultati e che genera sconforto e divisioni nella società.

Ci si mette poi un’ordinanza contraddittoria e raffazzonata, che deve urgentemente essere modificata. Sto raccogliendo le segnalazioni dei cittadini per proporre i necessari correttivi.

Spero che chi ha responsabilità istituzionali comprenda il profondo disagio di tutti i messinesi, abbassi i toni e acquisisca capacità di ascolto, recependo i suggerimenti nell’interesse della comunità.
Senza polemiche ma con spirito costruttivo, Suggerirò a breve all’amministrazione i correttivi indispensabili.

Ma tutti devono recuperare il senso delle istituzioni affrontando le questioni con il confronto, anche serrato, ma senza quell’atteggiamento che è più tipico di una campagna elettorale.

Il momento è duro, difficilissimo. Ciascuno di noi ha bisogno di avere punti di riferimento e deve poter contare sull’equilibrio dei poteri e delle decisioni.

Cercherò, come ho sempre fatto, di fornire il mio piccolo contributo, sperando che il seme della condivisione possa germogliare.
Moderazione, confronto ed equilibrio prendano il posto delle urla e delle lacerazioni che danneggiano il tessuto sociale della città.

Con animo operativo

Consigliere comunale 

Massimo Rizzo

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione