L’avvocato Repici: “Nino Madonia, killer di Nino Agostino e di sua moglie, e’ anche l’assassino di Piersanti Mattarella”

14 Gennaio 2021 Inchieste/Giudiziaria

"Nino Madonia, killer di Nino Agostino e di sua moglie, e' anche l'assassino di Piersanti Mattarella. Un delitto per il quale non e' mai stato processato". Lo sostiene l'avvocato Fabio Repici, legale di parte civile della famiglia dell'agente Nino Agostino, assassinato insieme alla moglie il 5 agosto del 1989 a Villagrazia, nel Palermitano.

Il legale e' intervenuto all'udienza preliminare in corso davanti al gup che dovra' decidere l'eventuale rinvio a giudizio del boss Gaetano Scotto, accusato di duplice omicidio aggravato, e di Francesco Paolo Rizzuto, vicino di casa della vittima, imputato di favoreggiamento aggravato.

Il terzo imputato, il capomafia Nino Madonia, ha scelto il rito abbreviato, mentre Scotto e Madonia hanno optato per l'ordinario e sono, appunto, in fase di udienza preliminare.

"Gaetano Scotto e Nino Madonia sono gli esecutori materiali dell'omicidio di Agostino - ha spiegato Repici - E non poteva essere altrimenti perche' Madonia era stato delegato da Toto' Riina a mantenere i contatti con i Servizi Segreti. Contatti che dovevano restare riservati e non potevano essere messi a rischio in nessun modo: per questo Nino Agostino era un ostacolo che andava eliminato".

La tesi dell'avvocato e dell'accusa e' che Agostino, agente di polizia in forza agli 007 per la ricerca dei latitanti mafiosi, sarebbe stato ritenuto pericoloso proprio perche' avrebbe potuto rivelare i rapporti di Madonia e Scotto con i Servizi. Secondo la parte civile le indagini sul delitto sarebbero state depistate proprio per "nascondere le responsabilita' di Scotto e Madonia" che avrebbero agito insieme "a soggetti della polizia e del Sisde". La volonta' di nascondere rapporti compromettenti sarebbe anche alla base delle mancate indagini su Giovanni Aiello, noto come 'faccia da mostro', ex poliziotto che, per gli 007 avrebbe commesso omicidi". L'udienza preliminare e' stata rinviata al 25 gennaio.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione