Stalla abusiva in un terreno del Cas a Bordonaro, sequestro della Polizia Municipale

14 Gennaio 2021 Cronaca di Messina

Ancora una volta, nel mirino della Polizia Municipale e precisamente del servizio di polizia specialistica guidato dal Comandante Vicario Commissario Giovanni Giardina, e collaborato dall'ispettore Giacomo Visalli, coordinatore del Reparto Ambientale, il dramma dei cavalli in città.

Cavalli detenuti in stato di maltrattamento in stalle improvvisate con materiale di recupero, spesso su aree pubbliche, inadeguate e prive delle più elementari norme di sicurezza.

È quello che è successo nelle ultime ore, l'ennesima stalla è stata scoperta a Bordonaro, in un terreno di proprietà del consorzio autostradale.

Manufatti abusivi, recinzioni improvvisate e rifiuti di ogni genere all'interno dell'area, ove era rinchiuso un cavallo privo del prescritto microchip. In uno dei manufatti è stato rinvenuto il calessino utilizzato dal proprietario per le passeggiate, che spesso si verificano nelle prime ore del mattino anche in violazione del DPCM.

Deferito all'autorità giudiziaria il proprietario del cavallo e responsabile degli abusi contestati che vanno all'occupazione di suolo pubblico artt. 633, 635 e 639 bis C.P. al maltrattamento art.544 ter C.P. e art. 256 D.Lgs 152/06 per i rifuti speciali accumulati nell'area.

Le opere sono state sottoposte a sequestro giudiziario e il cavallo affidato ad una struttura autorizzata che ​d'ora in poi se ne prenderà cura.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione