Messina, la droga nella busta con le bistecche: arrestato 52enne

23 Gennaio 2021 Senza categoria

Si è spinto fino al limite, ha rischiato e ha pagato dazio un cinquantaduenne messinese. Nonostante la zona rossa, in orario notturno, si è fatto pizzicare in giro dalle forze dell'ordine, peraltro con un discreto quantitativo di droga al seguito. A nulla è valso il tentativo di Francesco Fieschi di dissuadere i carabinieri da un controllo più approfondito della sua autovettura, indicando una busta di un supermercato contenente alimenti appena acquistati. Assieme a bistecche e salsicce di carne equina erano custoditi 200 grammi di cocaina. Inevitabile l'arresto.

È successo venerdì scorso. Sono le 22 quando Fieschi percorre il viale Boccetta a bordo del suo veicolo. Incappa in uno dei tanti posti di blocco allestiti sul territorio comunale, finalizzati alle verifiche del rispetto delle normative anti-contagio da Covid. Una pattuglia dei carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia Messina Centro abbassa la paletta davanti al suo parabrezza e lo invita ad accostare. Il conducente manifesta subito segni di nervosismo e insofferenza. «Cosa fa in giro? Dove sta andando?», gli chiede un militare. Affatto convincente la risposta del cinquantaduenne, che sostiene di aver appena acquistato del cibo e indica come riprova una busta in plastica. Dentro vi sono incarti contenenti carne equina. I componenti dell'equipaggio decidono di andare a fondo: perquisiscono automobilista e mezzo di trasporto. I sospetti diventano certezze pochi minuti più tardi, dal momento che nella busta, nascosta proprio tra le confezioni di bistecche e salsicce di carne equina, c'è un involucro in cellophane contenente oltre 200 grammi di sostanza stupefacente. Si tratta di cocaina. La droga viene sottoposta a sequestro e l'uomo arrestato in flagranza di reato, poiché ritenuto responsabile di detenzione illecita di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Inoltre, poiché lo spostamento di Fieschi non è legato a motivi legittimi, scatta una sanzione per la violazione dei provvedimenti di contenimento della diffusione del virus previsti per le “aree rosse”. Portato in caserma e ultimate le formalità di rito, i carabinieri rinchiudono il cinquantaduenne nella casa circondariale di Gazzi. Fissata per domani mattina l'udienza di convalida davanti al giudice, in presenza del suo difensore, l'avvocato Oleg Traclò.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione