Messina, la morte del pilota Amendolia alla Targa Florio. In tre rinviati a giudizio per omicidio colposo

4 Febbraio 2021 Inchieste/Giudiziaria

Si è chiusa con tre rinvii a giudizio l’udienza preliminare per l’incidente avvenuto durante la 101esima edizione della Targa Florio-Rally internazionale di Sicilia, costato la vita al pilota messinese Mauro Amendolia. È quanto ha deciso ieri il gup di Termini Imerese, Valeria Gioeli, nell’udienza preliminare sull’incidente di gara avvenuto il 21 aprile del 2017 in località Piano Battaglia. All’udienza scorsa il gup aveva anche accolto la richiesta dell’avvocato Giovanni Mannuccia, che assiste i familiari della vittima, il quale aveva chiesto la citazione del responsabile civile, individuato nell’Aci di Palermo. Ieri la conclusione dell’udienza preliminare, con il rinvio a giudizio al prossimo 13 aprile, data d’inizio del processo in tribunale, con l’ipotesi d’accusa di omicidio stradale, per: Angelo Pizzuto, organizzatore, Marco Cascino, direttore di gara della competizione sportiva automobilistica, e Antonio Pochini, delegato dell’allestimento del percorso (ovviamente le cariche si riferiscono a quelle ricoperte all’epoca). Il gup Gioeli ha poi rigettato le richieste di abbreviato condizionato e di incidente probatorio che erano state avanzate dai difensori degli imputati. Al centro dell’ipotesi d’accusa c’è il controllo dei dispositivi di sicurezza, con le eventuali omissioni e negligenze che portarono alla tragedia.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione