La Polizia municipale scopre e sequestra ovile abusivo con carcasse di agnelli

6 Febbraio 2021 Cronaca di Messina

Il reparto Ambientale della Polizia municipale ha scoperto in contrada Serri a Sperone un ovile realizzato abusivamente da oltre tre anni, in adiacenza ad un complesso residenziale. L'ovile di circa ​5000mq era stato realizzato con recinzione improvvisate costituite da pedane lignee e reti da letto ed ospitava circa 112 ovini. Giunti sul posto gli agenti si son trovati davanti una macabra scena, 11 agnelli erano infatti stati aggrediti ed uccisi probabilmente da cani randagi che non hanno avuto difficoltà ad introdursi nell'esile recinzione. Gli uomini del commissario Giardina non hanno potuto fare altro che disporre l'intervento dei veterinari dell'Asp per accertare le cause della morte e verificare le condizioni di detenzione degli animali nella struttura. Un piccolo ricovero di circa 6,00mq ​ per i 112 capi di bestiame e nessun convogliamento delle deiezioni, gli ovini erano di fatto costretti a vivere nel fango e tra i propri escrementi, sempre sotto la costante minaccia dei cani randagi. L'allevatore è stato denunciato per reato ambientale e maltrattamento di animali e l'ovile sottoposto a sequesto giudiziario.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione