Litigano per la droga e rubano bici e cellulare a un minore, due arresti a Barcellona

6 Febbraio 2021 Cronaca di Messina

Nella giornata di ieri, operatori del commissariato di Barcellona Pozzo di Gotto, hanno dato esecuzione all’ordinanza del Tribunale del Riesame di Messina, con la quale è stata disposta la misura cautelare della custodia in carcere a carico di un primo individuo, 25 anni, e quella degli arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico a carico di un secondo, di 20 anni, entrambi indagati per il reato di rapina aggravata e, solo il primo, di calunnia.

I fatti oggetto di indagine risalgono allo scorso aprile quando i due - in concorso con altri soggetti tra cui, alcuni già sottoposti a misura carceraria, altri non identificati - si sono resi responsabili di una rapina in danno di un minore. Dalla ricostruzione dei fatti emersa dalle indagini, la vittima, verosimilmente per dissidi legati alla cessione di stupefacente, è stata inseguita, aggredita e privata di telefono cellulare e bici dai suoi aggressori, una sorta di vera e propria gang criminale capace di imporsi con violenza e prevaricazione.

A capo del gruppo criminale, emergerebbe la figura del venticinquenne raggiunto oggi da misura cautelare della custodia in carcere, già gravato da un numero cospicuo di pendenze giudiziarie e caratterizzato da una non comune propensione criminale. Lo stesso, per garantirsi l’impunità e sviare le indagini, non ha esitato a ribaltare quanto accaduto e a denunciare il falso, sostenendo di essere stato aggredito e minacciato con un coltello dalla vittima. Conclusa la redazione degli atti di rito, il venticinquenne è stato condotto presso la casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto; il ventenne è stato trasferito presso il proprio domicilio e sottoposto agli arresti domiciliari.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione