6 Febbraio 2021 Cronaca di Messina e Provincia

Litigano per la droga e rubano bici e cellulare a un minore, due arresti a Barcellona

Nella giornata di ieri, operatori del commissariato di Barcellona Pozzo di Gotto, hanno dato esecuzione all’ordinanza del Tribunale del Riesame di Messina, con la quale è stata disposta la misura cautelare della custodia in carcere a carico di un primo individuo, 25 anni, e quella degli arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico a carico di un secondo, di 20 anni, entrambi indagati per il reato di rapina aggravata e, solo il primo, di calunnia.

I fatti oggetto di indagine risalgono allo scorso aprile quando i due – in concorso con altri soggetti tra cui, alcuni già sottoposti a misura carceraria, altri non identificati – si sono resi responsabili di una rapina in danno di un minore. Dalla ricostruzione dei fatti emersa dalle indagini, la vittima, verosimilmente per dissidi legati alla cessione di stupefacente, è stata inseguita, aggredita e privata di telefono cellulare e bici dai suoi aggressori, una sorta di vera e propria gang criminale capace di imporsi con violenza e prevaricazione.

A capo del gruppo criminale, emergerebbe la figura del venticinquenne raggiunto oggi da misura cautelare della custodia in carcere, già gravato da un numero cospicuo di pendenze giudiziarie e caratterizzato da una non comune propensione criminale. Lo stesso, per garantirsi l’impunità e sviare le indagini, non ha esitato a ribaltare quanto accaduto e a denunciare il falso, sostenendo di essere stato aggredito e minacciato con un coltello dalla vittima. Conclusa la redazione degli atti di rito, il venticinquenne è stato condotto presso la casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto; il ventenne è stato trasferito presso il proprio domicilio e sottoposto agli arresti domiciliari.