Messina, deposta una corona d’alloro in memoria delle vittime delle foibe

10 Febbraio 2021 Culture

Stamattina, in piazza dei Martiri delle Foibe, è stato celebrato il “Giorno del Ricordo”, con la deposizione di una corona d’alloro, in memoria delle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata. Alla cerimonia organizzata dall’Amministrazione comunale, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Congiunti e Deportati in Jugoslavia, hanno preso parte in rappresentanza del Sindaco Cateno De Luca, l’Assessore alla Cultura Enzo Caruso, il presidente della IV Circoscrizione Alberto De Luca e la presidente provinciale A.N.C.D.J Maria Cacciola.

Presenti tra gli altri, il Capo di Gabinetto della Prefettura Carmelo Marcello Musolino, il Questore Vito Calvino, rappresentanti dell’Associazione nazionale Alpini e la direttrice della Biblioteca Regionale Universitaria “Giacomo Longo” Tosi Siragusa.

L’evento commemorativo, è promosso annualmente nella piazza dei Martiri delle Foibe, così intitolata dal 2008 su proposta del Comitato 10 Febbraio e del quinto quartiere, come momento rappresentativo per ricordare i Martiri delle Foibe e gli esuli istriani, fiumani e dalmati. Con la legge 30 marzo 2004 n. 92, la Repubblica Italiana ha riconosciuto la giornata del 10 febbraio quale “Giorno del Ricordo”, per ricordare i massacri delle foibe e l’esodo giuliano dalmatanonché conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.

La ricorrenza è finalizzata a favorire iniziative volte a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario ed artistico degli italiani dell’Istria, di Fiume e delle coste dalmate, evidenziandone il contributo negli anni trascorsi e negli anni presenti, allo sviluppo sociale e culturale del territorio della costa nord-orientale adriatica e altresì a preservare le tradizioni delle comunità istriano-dalmate residenti nel territorio nazionale e all’estero.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione