Bando di Servizio Civile Universale, ultime ore per presentare la domanda. Scadenza alle ore 14.00

15 Febbraio 2021 Culture

Sono 46.891 i posti disponibili per i giovani tra i 18 e 28 anni che vogliono diventare operatori volontari di servizio civile. Fino alle ore 14.00 di lunedì 15 febbraio 2021 è possibile presentare domanda di partecipazione ad uno dei 2.814 progetti che si realizzeranno tra il 2021 e il 2022 su tutto il territorio nazionale e all’estero. I progetti hanno durata variabile tra gli 8 e i 12 mesi.

Da quest’anno, ogni singolo progetto è parte di un più ampio programma di intervento che risponde ad uno o più obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e riguarda uno specifico ambito di azione individuato tra quelli indicati nel Piano triennale 2020-2022 per la programmazione del servizio civile universale.

Gli aspiranti operatori volontari devono presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it dove, attraverso un semplice sistema di ricerca con filtri, è possibile scegliere il progetto per il quale avanzare la candidatura.

Nella sezione “Selezione volontari” del sito www.serviziocivile.gov.it ci sono tutte le informazioni e la possibilità di leggere e scaricare il bando.

Anche quest’anno, per facilitare la partecipazione dei giovani e, più in generale, per avvicinarli al mondo del servizio civile, è disponibile il sito dedicato www.scelgoilserviziocivile.gov.it che, grazie al linguaggio più semplice, diretto proprio ai ragazzi, potrà meglio orientarli tra le tante informazioni e aiutarli a compiere la scelta migliore.

Vai al Bando

PROGETTO “MessinCentro”

Realizzato in collaborazione con S. Maria della Strada, allo scopo di incrementare i servizi offerti, in termini di ascolto, sostegno, soccorso, accoglienza e assistenza a donne sole o con figli, che versano in stato di disagio, attraverso il potenziamento dei servizi erogati dal Centro di Ascolto della Caritas Diocesana e dalla casa di accoglienza per donne e minori gestita dall’Associazione di Volontariato “S. Maria della Strada”, nei territori della Provincia di Messina.

I destinatari diretti del progetto sono:

  • Donne con minori in stato di necessità, anche stranieri (maltrattamenti, emergenze abitative, disagio sociale);
  • Ragazze madri sole o in difficoltà, anche straniere;
  • Donne sole in difficoltà, anche straniere (disagio mentale, maltrattamenti, disagio sociale, emergenze abitative).

Le sedi di attuazione del progetto sono:

  1. Sede Caritas Diocesana – Via Emilia, 19;
  2. Centro di Accoglienza “Madre Veronica”, sita a Messina, Via Nazionale, Giampilieri, 155

PROGETTO “Ancora Insieme”

Realizzato in collaborazione con l’Associazione Senza Barriere presso il Club Arietta, al fine di incrementare i servizi offerti, in termini di ascolto, sostegno, soccorso, accoglienza e assistenza a disabili psichici e fisici e le loro famiglie, anche attraverso il potenziamento dei servizi erogati dal Centro di Ascolto della Caritas Diocesana e dall’Associazione di Volontariato “Senza Barriere” e del Coordinamento diocesano Disabilità. Destinatari del progetto sono dunque tutti i disabili giovani, adulti o anziani che necessitino di una assistenza domiciliare o che pur potendo uscire da casa hanno la necessità di un supporto non garantito dal sistema sanitario o dai servizi sociali locali. Destinatari indiretti degli interventi sono anche le famiglie dei disabili sulle quali incombe il peso pressoché esclusivo dell’assistenza H24, per le quali la presenza dei Volontari di SCU, in affiancamento agli operatori della Caritas e di Senza Barriere, risulterà di enorme sollievo.

Le sedi di attuazione del progetto sono:

  • Sede Caritas Diocesana, Via Emilia 19, Messina;
  • Club Arietta, Via Primo Settembre 119, Messina.

Progetto “Operatori di Pace”

Realizzato nell’ambito dell’Area Mondialità della Caritas Diocesana ha come destinatari delle azioni i giovani del territorio a partire dagli studenti delle scuole secondarie e dai giovani dei quartieri più marginali della Città di Messina dove dispersione scolastica, criminalità e povertà soffocano il futuro delle nuove generazioni e le allontanano dai valori della pace, della non violenza e della difesa non armata della Patria. Il progetto intende affrontare pratiche come il bullismo ed ilciberbullismo che facilmente si trasformano in pratiche di cultura mafiosa, come anche la dispersione scolastica può evolversi in manodopera criminale. Il progetto si rivolge al mondo giovanile ed intende perseguire le seguenti azioni:

Promuovere la cultura della pace attraverso:

  • La comprensione della realtà dei conflitti, dei diversi livelli della convivenza sociale;
  • La presentazione di modalità non violente di risoluzione e gestione dei conflitti;
  • La prevenzione ed il contrasto al bullismo e ciber-bullismo;

Affrontare la consolidata disaffezione dei giovani alla partecipazione sociale e politica in modo da:

  • Sviluppare la cultura del rispetto e dell’attenzione all’altro;
  • Promuovere il protagonismo attivo dei giovani nel volontariato e nel sociale;
  • Promuovere stili di vita solidali e rispettosi dell’ambiente;

Proporre concretamente alle scuole secondarie ed ai gruppi giovanili parrocchiali:

  • Attività formative ed informative sui temi della pace, della mondialità, del rispetto dell’ambiente e dei nuovi stili di vita;
  • Iniziative di azione e di formazione alla pace a livello locale e nazionale;
  • Educare alla comunicazione per la sensibilizzazione delle famiglie e dell’opinione pubblica (uso responsabile dei social network);
  • Analizzare i fenomeni sociali connessi alla devianza giovanile (reati minorili, consumo e spaccio di sostanze stupefacenti, gioco d’azzardo patologico ecc.) e della dispersione scolastica sul territorio diocesano e comprenderne il rapporto con i fattori di povertà.

La sede di attuazione del progetto è la Sede Caritas Diocesana – Messina, Via Emilia 19.

Scarica codici per presentare la domanda:

“Giovani con minori opportunità”

Attenzione!: coloro i quali intendono concorrere nella riserva di posti per basso reddito devono allegare alla domanda unitamente al CV il modello ISEE in corso di validità (non superiore a € 10.000,00) all’interno dello stesso file pdf.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione