Patrick Zaki è cittadino onorario di Messina

15 Febbraio 2021 Culture

Il consiglio comunale ha approvato all’unanimità la cittadinanza onoraria a Patrick Zaki, studente ventisettenne e attivista arrestato in Egitto, all’aeroporto internazionale del Cairo, il 7 febbraio 2020 con un mandato di cattura risalente al 23 settembre 2019 mentre tornava a casa per andare a trovare la famiglia nel suo paese natale, Mansoura, e che si trova in stato di detenzione in carcere lunga un anno.

Il consiglio comunale ha approvato con voto unanime una delibera di giunta approvata il 18 dicembre e notificata al protocollo del Consiglio comunale il 29 gennaio.

Il compiacimento del sindaco De Luca 

“Esprimo grande soddisfazione per l’approvazione da parte del Consiglio Comunale della proposta di conferimento della cittadinanza onoraria a Patrick Zaky deliberata da questa Giunta il 18 dicembre 2020”. E’ quanto dichiara il Sindaco Cateno Luca. “La CITTADINANZA messinese coincide, nel nostro ordinamento, con la cittadinanza europea e permetterà all’Europa di assumersi le proprie responsabilità in merito alla vicenda non ancora risolta dal Governo nazionale. All’appello della Giunta ha risposto il Consiglio Comunale dando prova di sensibilità – conclude il Sindaco – per un caso che dura da un anno, portato avanti dalla città di Bologna e dall’Università Alma Mater, dall’Università degli Studi di Messina e da altri atenei italiani”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione