Messina. Incendio di rifiuti speciali pericolosi, denunce e sequestri

19 Febbraio 2021 Cronaca di Messina

Un’intensa coltre di fumo nero proveniente dalla zona sud. La Polizia Municipale ha scoperto l’ennesimo incendio di rifiuti speciali pericolosi, ad opera di alcune persone, per conto di una nota attività commerciale cittadina. Scoperta anche un’attività produttiva abusiva in un capannone abusivo.

Dentro c’erano macchinari industriali utili per la produzione di insegne pubblicitarie. Sequestrati il capannone e l’area esterna, circa 3.300 metri quadri dove venivano continuamente abbandonati rifiuti speciali pericolosi ed era gestito anche un centro di raccolta auto abbandonate. Nel terreno, infatti, senza alcuna protezione per il sottosuolo, c’erano rifiuti, in circa 40 metri quadri, riconducibili alle rottamazioni, parti di auto, pneumatici, plastica, acidi, vernici e materiale da demolizione sparso. Tutto sequestrato. Denunciati i responsabili che, dopo il dissequestro e sotto controllo delle forze dell’ordine, dovranno provvedere alla bonifica.

“L’attività di contrasto a questo genere di reati è sempre più impegnativa – dice il commissario Giardina -. Sono persone dedite al continuo abbandono o incendio di rifiuti, in spregio alle più elementari norme che regolano il vivere civile; questi illeciti infatti si verificano sempre più spesso nei centri abitati o vicino, con gravi conseguenze per la salute pubblica”.

Abbandono di mobili in centro città

In pieno centro città, invece, stavano liberando una casa da mobili, suppellettili, elettrodomestici e altro sui marciapiedi davanti, in pieno centro città. All’arrivo della Polizia Municipale, un rimpallo di responsabilità. Denunciati i due operai, il proprietario di casa e l’affittuario. L’area è stata sequestrata.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione