Inchiesta Palamara, il sindaco di Messina querela il procuratore generale Barbaro

26 Febbraio 2021 Inchieste/Giudiziaria

Il sindaco di Messina, Cateno De Luca, ha querelato il procuratore generale della Città dello Stretto Vincenzo Barbaro.

Barbaro, il cui nome è uscito nell’inchiesta dei pm di Perugia sul caso Palamara, - in una nota alla stampa - aveva «evidenziato la stranezza della coincidenza della divulgazione della notizia il giorno prima dell’inizio del processo in corso al Tribunale di Reggio Calabria in cui il sindaco di Messina, è imputato di diffamazione ai danni dello stesso magistrato». A scriverlo in una nota sono gli avvocati Carlo Taormina e Tommaso Micalizzi, legali del sindaco.

«De Luca, nel preannunciare querela per essere stato accusato dal procuratore generale di una così grave manovra denigratoria, respinge la evidente gravissima insinuazione e fa notare che il coinvolgimento del procuratore generale, che non è indagato, è derivato da dichiarazioni rese dall’avvocato Amara alla Procura di Perugia».

«Le dichiarazioni di Amara - spiegano - hanno dato luogo a nuove contestazioni a Luca Palamara e l’esplosione della notizia riguardante lo stesso procuratore generale, mentre alcuna incidenza ha avuto l’inizio del processo a Reggio Calabria», proseguono.

Il sindaco di Messina, attraverso i suoi legali, «fa conoscere di aver ottenuto l’ammissione di testimoni di rappresentanti delle istituzioni regionali e giudiziarie, al fine di dimostrare la verità delle notizie pubblicate da 'Lupara giudiziarià, (il libro ritenuto diffamatorio da Barbaro ndr) e di aver predisposto la documentazione relativa alle procedure di interesse per la posizione del Procuratore Generale».

«Il sindaco De Luca e i suoi legali - si legge ancora nella nota - auspicano il pronto intervento del Csm perché si faccia chiarezza su quanto anche gli organi di stampa segnalano come malessere all’interno delle istituzioni giudiziarie messinesi, dove sembrano emergere situazioni non proprio compatibili con serenità ed imparzialità nell’ambiente e nel territorio per i cittadini e per gli organi pubblici».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione