MESSINA SI ILLUMINA DI GIALLO: “FACCIAMO LUCE SULL’ENDOMETRIOSI”

5 Marzo 2021 Culture
<<L’endometriosi è una patologia femminile dovuta alla proliferazione di cellule endometriali, normalmente presenti nella cavità uterina, al di fuori di questa. Tale anomalia causa uno stato infiammatorio cronico sia a carico dell'apparato genitale sia degli organi circostanti.

È una malattia subdola, con un ritardo diagnostico, che oscilla tra i cinque e i nove anni, ritardo che può compromettere irrimediabilmente la qualità di vita della donna, causando in alcuni casi anche l’infertilità. Una patologia ancora oggi poco conosciuta, nonostante siano tre milioni in Italia le donne con diagnosi accertata (#unasudieci).

A Marzo, mese della consapevolezza dell'endometriosi, il team Italy della Worldwide EndoMarch ha organizzato una call to action “Facciamo luce sull’endometriosi”: Illuminare di giallo, i monumenti/palazzi più importanti delle città italiane>>.
I Grilli dello Stretto hanno aderito all'iniziativa presentando richiesta al Rettorato dell’Università degli studi di Messina, che ha accolto favorevolmente la proposta illuminando per tutto il mese di Marzo la sede centrale dell’Ateneo.

<<Attendiamo risposta
 - concludono gli attivisti- dalle altre istituzioni coinvolte, affinché possano splendere di luce gialla anche Palazzo Zanca, il Palazzo del Governo e la stele della Madonnina con il bastione del Forte San Salvatore.
Informazione, prevenzione e diagnosi precoce sono le principali armi per combattere l'endometriosi, una malattia "invisibile", che però esiste! >>.
#RompiamoilSilenzio.

 
Giusy Martino
Rappresentante del team Italy della worldwide endomarch

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione