“Dark Truk 2”: Frode ed evasione nell’autotrasporto tra Messina e Palermo: 6 condanne e una prescrizione

Si chiude con sei condanne, alcune ridotte, e una dichiarazione di prescrizione, il processo d’appello “Dark Truk 2”, ovvero le frodi e l’evasione nel mondo dell’autostrasporto scoperte della Guardia di Finanza nel 2015 tra Messina e Palermo. La sentenza è della sezione penale della corte d’appello presieduta dal giudice Francesco Tripodi, ed ha riguardato l’imprenditore messinese Andrea Currò, come amministratore della “Currò Trasporti Srl”, e il suo consulente fiscale, il ragioniere Michele Nigrelli, e poi Giuseppe Leggio, Giuseppe Costanza, Dino Vaccaro, Alvise Arrigo Lipari e Antonino Sorbera. Sono stati assistiti dagli avvocati Salvatore Silvestro, Alberto Gullino, Bonni Candido e Alessandro Mirabile. I giudici hanno dichiarato intanto la prescrizione per alcuni reati, che è totale solo per Dino Vaccaro rispetto ai reati contestati, e nei suoi confronti hanno disposto la revoca delle pene accessorie (prescrizioni parziali hanno registrato anche Currò, Nigrelli e Costanza). Poi hanno confermato la condanna di primo grado per Giuseppe Leggio, e hanno rideterminato cinque pene. Eccole rimodulate: Andrea Currò, 5 anni e 5 mesi; Michele Nigrelli, 5 anni e 8 mesi; Giuseppe Costanza e Antonio Sorbera, un anno e 8 mesi; Arrigo Alvise Lipari, un anno e 6 mesi. I giudici hanno anche confermato in sentenza la confisca per equivalente a carico di Currò e Nigrelli «... fino all’importo massimo di euro 2.203.659,51 salvo l’esito dei giudizi tributari pendenti». Con un separato provvedimento lo stesso collegio d’appello ha poi revocato parzialmente il sequestro preventivo del febbraio 2015 («... revoca la confisca delle quote delle società ancora in sequestro (Currò Trasporti srl, Cagf srl, Inlog srl) e la restituzione alla libera disponibilità degli aventi diritto».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione