“Noi in dad, loro in festa”, a Messina associazioni chiedono un confronto sul caso “Tringali”

6 Marzo 2021 Politica

Hanno lanciato una petizione (vedi quì) e chiedono un confronto pubblico in Consiglio comunale sulla vicenda del compleanno festeggiato dalla preside-assessore all'istituto "Antonello" di Messina. Sono una decina di associazioni messinesi, tra cui l'UDU (Unione degli Studenti), Rete degli studenti medi, Liberazione Queer+ Messina, Arcigay Messina, Rete 34+, MessinAccomuna, Cambiamo Messina dal Basso, Grilli dello Stretto, Cub e Potere al Popolo Messina.

"Il 22 febbraio scorso in Italia vigeva un divieto - scrivono - un divieto presente tutt’oggi, a causa pandemia: è vietato organizzare feste private. Nonostante questo divieto, quel giorno l’assessora Laura Tringali festeggia il suo compleanno nelle sale dello stesso Istituto che dirige, l’IIS Antonello, in compagnia di docenti, personale ATA e collaboratori scolastici. Nello scusarsi, definendola una “prassi consolidata”, aggiunge che è stata “una sorpresa organizzata da altri” nonostante sia stato seguito il suo ordine diretto di rinforzare la “pausa pranzo” per una quindicina di persone con monoporzioni, dolce e spumante: un vero e proprio servizio di catering che, in mancanza di chiarimenti sul punto, sembrerebbe essere stato offerto dai ragazzi dello stesso Istituto Professionale Antonello. È accaduto qualcosa di grave, e a crederlo non siamo soltanto noi, come testimoniano l’interrogazione parlamentare e l’intervento della sottosegretaria all’Istruzione, Barbara Floridia".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione