Torre Faro, il M5s: «Serve al più presto una Ztl, richiesta all’unanimità dal Consiglio comunale»

17 Marzo 2021 Politica

Una Zona a traffico limitato a Torre Faro in previsione della stagione estiva, per riqualificare il borgo marinaro e mettere fine una volta per tutte al caos che penalizza una delle zone più belle di Messina e di tutta la Sicilia. È il contenuto della richiesta urgente presentata al sindaco Cateno De Luca e all’assessore Salvatore Mondello dai consiglieri comunali del M5s, che già a novembre del 2019 presentarono un atto di indirizzo per regolamentare il traffico veicolare con l’ausilio di telecamere fisse per il controllo degli accessi e dei flussi.

«La mozione – spiegano Cannistrà, Mangano, Argento e Fusco – fu poi approvata all’unanimità dal Consiglio comunale il 15 gennaio del 2020. Ciò nonostante, per quasi tutta la scorsa estate gli abitanti del borgo hanno dovuto fare i conti con i problemi di sempre, dato che solo del 14 agosto al 30 settembre si è attuata una parziale pedonalizzazione di alcune vie di Faro. Un provvedimento tardivo e sicuramente da migliorare, che tuttavia è stato accolto favorevolmente da residenti e turisti, stanchi di dover affrontare quotidianamente confusione, ingorghi e inciviltà».

«Già adesso, con l’arrivo delle belle giornate e in particolar modo nei weekend – proseguono – ci sono pervenute numerose segnalazioni da parte degli abitanti sulla viabilità caotica in tutta l’area di Capo Peloro e per le vie del paese. Una situazione che non può che peggiorare nei prossimi mesi, quando saranno tantissimi i cittadini che si riverseranno numerosi nelle vie del borgo, compromettendo gioco forza la circolazione stradale e la qualità della vita dei residenti».

«Siamo ancora nel mese di marzo e c’è tutto il tempo per mettere in atto tutti i provvedimenti del caso. Per questo chiediamo all’Amministrazione di dare seguito al più presto alla nostra proposta, approvata da tutto il Consiglio, attuando in modo strutturale e continuativo quanto indicato nella mozione di indirizzo per una riqualificazione funzionale dell’intera area, con immediati benefici per la sicurezza pubblica, la tutela dell’ambiente e in generale per una migliore qualità di vita».

«Il nostro gruppo consiliare – concludono – è disponibile a mettere a disposizione dell’Amministrazione il progetto dettagliato redatto dai nostri attivisti, comprensivo di piano economico, già presentato il 4 settembre 2019 nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Zanca».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione