Vaccini, richieste per dosi in eccesso: in poche ore oltre 2000 email

17 Marzo 2021 Cronaca di Messina

Ha riscosso ampio e immediato consenso da parte dei cittadini di Messina e provincia l’iniziativa del commissario per l’Emergenza covid Alberto Firenze di creare un elenco “speciale” di utenti che desiderano ricevere il vaccino Pfizer nel caso in cui a fine giornata avanzino dosi non utilizzabili per le categorie prenotate aventi diritto, così da evitare sprechi. Ieri sera, poche ore dopo l’apertura dell’indirizzo email vaccini.fiera@asp.messina.it e la diffusione della comunicazione alla stampa, sono pervenute oltre 2mila richieste. L’indirizzo dunque è stato chiuso in via temporanea ​ perché naturalmente non sarà possibile soddisfare così tanti utenti, che comunque potranno prenotarsi, in base alla categoria di appartenenza non appena sarà il loro turno, sulla piattaforma nazionale o al numero verde per accedere alla vaccinazione. Nel ringraziare la cittadinanza per l’adesione massiccia di ieri al fine di ottimizzare le somministrazioni Pfizer, i cittadini sono invitati a monitorare la pagina Facebook ufficiale per eventuali novità sulle dosi in eccesso. “L’enorme flusso di ieri - commenta Firenze - è una preziosa testimonianza della voglia delle persone di vaccinarsi il prima possibile. Il nostro compito adesso è accelerare al massimo la macchina vaccinale”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione