19 Marzo 2021 Sport

CALCIO: Il Cosenza richiama Pietro Santapaola

La vicenda del giocane calciatore messinese Pietro Santapaola, che ha denunciato il Cosenza Calcio per essere stato messo fuori rosa a causa del suo “cognome ingombrante“, si arricchisce di un nuovo particolare.

Il Cosenza calcio ha mandato una comunicazione “informale” – come rivela il quotidiano QuiCosenza.it – nella quale comunica al giovane attaccante della primavera che potrà rientrare non appena appena terminerà la quarantena dei suoi compagni e disposta dall’Asp di Cosenza per un caso di positività al Covid-19.

Il legale di Santapaola, Silvestro Salvatore, precisa che si tratta di una “comunicazione ufficiosa, perché in calce alla mail non vi è nessuna firma”.

“Mi farebbe piacere che la vicenda si chiudesse senza strascichi giudiziari – dichiara Silvestro – ma riteniamo che il presidente Guarascio dovrebbe formalmente scusarsi per l’accaduto e ufficialmente richiamare il ragazzo in squadra. Inoltre, nella mail si parla di fatti travisati, ma noi sappiamo bene che non è così e abbiamo le prove di quanto sosteniamo, ci sono i file audio che testimoniano quanto accaduto”.

Il legale ha quindi sottolineato che la denuncia non verrà ritirata fino a quando non arriverà una comunicazione ufficiale da parte della società sul reintegro del calciatore.

Anche la mamma del giovane calciatore è in attesa di atti ufficiali che consentano al figlio di poter ritornare in campo: «Nei prossimi giorni sapremo di più – ci ha detto Katia Sparacino – siamo stanchi di questa vicenda. Pietro era molto felice ed orgoglioso di essere un lupacchiotto del Cosenza e soprattutto di sudare la maglia per realizzare il suo sogno»

Intanto la Procura di Cosenza, che ha ricevuto gli atti dai carabinieri di Messina, a breve ascolterà il calciatore mentre, per il clamore mediatico suscitato, la vicenda è arrivata alla ribalta nazionale ed anche le Iene si stanno occupando del caso con un servizio proprio su quanto accaduto.