Nino Di Matteo: ”Su Agostino verità emerge a distanza di anni”

19 Marzo 2021 Inchieste/Giudiziaria

“Quando non si smette di cercarla, la verità può emergere anche a distanza di molti anni. Spero che la sentenza e il processo che si celebrerà facciano chiarezza anche sulle motivazioni del duplice omicidio e sugli eventuali collegamenti con altri delitti eccellenti”. A dirlo è stato il consigliere togato del Csm Nino Di Matteo, raggiunto dall'Agi, commentando la sentenza di condanna all'ergastolo per il boss Nino Madonia, accusato del duplice omicidio del poliziotto Nino Agostino e di sua moglie Ida Castelluccio, e del rinvio a giudizio del boss Gaetano Scotto, accusato del duplice omicidio aggravato, il cui processo inizierà in Corte d'Assise il 26 maggio 2021. A giudizio anche, con l'accusa di favoreggiamento, Francesco Paolo Rizzuto. Nino Di Matteo, memoria storica del pool "trattativa Stato mafia", ha condotto le indagini - assieme a Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene sul caso Agostino (poi avocate dalla Procura generale di Palermo e seguite da Domenico Gozzo e Umberto De Giglio) ma è stato anche il pm che ha indagato e ottenuto la condanna per gli esecutori dell'omicidio di Emanuele Piazza, un altro servitore dello Stato, cacciatore di latitanti (e collaboratore del Sisde) ucciso e il corpo sciolto nell'acido, il 15 marzo 1990.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione