Migranti, Zanotelli: “L’Italia finanzia la Guardia costiera libica che tortura e uccide in nome dell’Italia”

"Si stimano 60.000 migranti morti nel Mediterraneo ma ormai potremmo aver raggiunto le 100.000 vittime. Il Mare nostrum è diventato ormai un mare nero. Siamo davanti a un fenomeno estremamente grave e un giorno saremo portati davanti ai tribunali internazionali perché ci stiamo comportando come i nazisti". A denunciarlo è Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano da tempo impegnato in difesa dei migranti, intervenendo alla conferenza stampa online di presentazione dell'iniziativa 'Fame e Sete di Giustizia - Digiuno di solidarietà con i migranti', organizzata dall'associazione Cantiere casa comune, che a partire dalla Settimana santa di lunedì 29 marzo si osserverà ogni primo mercoledì del mese davanti al Parlamento. Zanotelli ha continuato: "Ci sono 80 milioni di rifugiati riconosciuti dalle Nazioni Unite che bussano alle nostre porte: Europa, Stati Uniti, Australia, ai Paesi ricchi insomma. Perché i migranti sono frutto di un sistema profondamente ingiusto che permette al 10% della popolazione di consumare il 90% dei beni del pianeta". Il missionario ricorda che "questi disperati bussano anche alle porte dell'Italia e l'Italia è parte dell'Unione europea che dei migranti non ne vuole sapere. E così è assurdo che l'Italia esternalizzi le frontiere facendo accordi con Paesi terzi. Ieri il ministro Di Maio a Tripoli ha detto che in Libia non arrivano più armi grazie all'operazione Irini. Ma è una bugia: arrivano eccome. E non ha fatto neanche menzione dei lager dei migranti: l'Italia finanzia la Guardia costiera libica che tortura, violenta, uccide in nome dell'Italia. E chi tenta di scappare muore".

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione