Assistenza disabili al Don Orione, Antonio De Luca si rivolge al Prefetto: “Si salvaguardi il futuro dei lavoratori e la continuità assistenziale”

31 Marzo 2021 Politica

L’istituzione di un tavolo di concertazione urgente in relazione alla scadenza della convenzione del centro socio-riabilitativo residenziale per disabili “Don Orione”. A chiederlo, in una nota indirizzata al Prefetto di Messina, è il deputato regionale del M5S Antonio De Luca, il quale interviene dopo le notizie sindacali e di stampa sul servizio socio-riabilitativo residenziale per disabili gravi reso dalla Società Cooperativa Faro ’85, “che a decorrere dal 1 aprile 2021 non sarà più svolto dalla predetta cooperativa e che per tale motivo la stessa starebbe procedendo a inviare le lettere di licenziamento per ben 56 operatori”.

“Ciò consegue al mancato rinnovo del protocollo d’intesa tra Comune e Asp di Messina in scadenza. Senza entrare nel merito dei procedimenti amministrativi in corso, è evidente che tale situazione, oltre a ingenerare una grave crisi sul fronte occupazionale, comporta anche gravi conseguenze per i disabili ospiti dell’istituto”, scrive De Luca, che richiede la convocazione urgente di un tavolo di concertazione al fine di gestire la crisi in atto, garantendo la continuità assistenziale e sanitaria per tutti quei soggetti assistiti dalla struttura e per trovare soluzioni atte a salvaguardare il futuro dei tanti lavoratori e le rispettive famiglie, che da anni sono impegnati in questo delicato settore.

A intervenire sulla vicenda è anche la capogruppo in consiglio comunale Cristina Cannistrà, che fa seguito all’interrogazione urgente presentata lo scorso 30 marzo dal collega Giuseppe Fusco: “Il nostro gruppo è intervenuto immediatamente appena appresa la notizia, con l’obiettivo di tutelare i lavoratori e l’utenza, ma anche il rapporto professionale che si è creato fra le parti in tanti anni di attività”, spiega.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione