I bersaglieri della Brigata Aosta si addestrano

3 Aprile 2021 Cronaca di Messina

Si è conclusa nei giorni scorsi, al termine di un intenso ciclo formativo presso le aree addestrative della Sicilia, un’esercitazione delle unità del 6° Reggimento Bersaglieri. L’attività, che ha impegnato il comando di reggimento e le minori unità nelle fasi di pianificazione, organizzazione e condotta delle operazioni, si è prefissata lo scopo di mantenere ed incrementare le capacità di una compagnia di fanteria media in un contesto pluriarma, al fine di far accrescere la capacità di combattimento dei bersaglieri.

 

La condotta delle attività teoriche e pratiche sono state condotte nelle aree addestrative dell’ex aeroporto di Milo, di Lago Rubino e Montagna Grande in provincia di Trapani, presso il poligono di Drasy (AG), la base addestrativa di Piazza Armerina (EN), l’aeroporto di Boccadifalco (PA) e all’interno delle caserme “Scianna” di Palermo e “Giannettino” di Trapani. Ciò ha permesso ai militari dell’Esercito della Brigata Aosta di arricchire la propria preparazione per consentirne l’impiego in qualsiasi contesto, nazionale ed internazionale.

 

La attività tattiche delle fasi dell’esercitazione, con l’utilizzo dei veicoli blindati medi (VBM) “Freccia” e con l’impiego dei natanti in organico al 4° Reggimento genio guastatori di Palermo hanno consentito alle unità esercitate di addestrarsi nel comando e controllo, nello sfruttamento del terreno, nella ricognizione e sicurezza di uno specchio d’acqua, nella ricerca di ordigni esplosivi improvvisati, nella reazione rapida ad un attacco a sorpresa e nella guida off-road. Infine, l’addestramento preparatorio all’elistrasporto tattico e alla realizzazione di una zona atterraggio elicotteri (ZAE), hanno assicurato alle unità del 6° Reggimento Bersaglieri le premesse per una piena sinergia con la componente della terza dimensione.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione