18 Aprile 2021 Giudiziaria

Covid: dati falsi Sicilia, indagati tornano liberi

Una svolta importante in Sicilia, per l’inchiesta dei dati falsi sulla pandemia inviati all’Istituto Superiore di Sanità.

Tornano in libertà Letizia Di Liberti, dirigente della Regione siciliana, Salvatore Cusimano funzionario dell’assessorato regionale alla Salute, e Emilio Madonia, il dipendente di una società che si occupa della gestione informatica dei dati. Il gip di Palermo, che era chiamato a decidere sulla rinnovazione della misura cautelare ha revocato per tutti gli arresti domiciliari.

A Di Liberti e Cusimano è stata imposta la sospensione dal servizio. L’inchiesta, che ha portato ai domiciliari la dirigente, riguarda anche l’ex assessore alla Salute Ruggero Razza che si è dimesso dopo l’avviso di garanzia.

La Procura di Palermo ha recepito solo in parte l’ipotesi accusatoria della Procura di Trapani e, anche alla luce, degli ulteriori accertamenti effettuati, ha formulato solo 7 dei 36 precedenti capi d’imputazione, stralciando i capi 1 e 10 e tutti quelli riguardanti la falsificazione dei bollettini giornalieri.

Il quadro accusatorio è fortemente ridimensionato”. Lo ha detto l’avvocato Paolo Starvaggi, legale, insieme a Fabrizio Biondo, della dirigente regionale Maria Grazia Di Liberti indagata nell’inchiesta sui dati falsi sul Covid comunicati all’Istituto di Sanità dalla Sicilia. Oggi il gip le ha revocato i domiciliari.

“In buona sostanza – spiega – è rimasta in piedi l’accusa per concorso in falsità ideologica e falsità materiale. I pubblici ministeri, nella richiesta al gip, della sola misura cautelare dell’interdizione dai pubblici uffici, per Di Liberti, Madonia e Cusimano, hanno chiarito che “rispetto alle contestazioni avanzate davanti al Giudice di Trapani questo ufficio non contesta, allo stato, la falsificazione indotta dei bollettini giornalieri che le indagini fino a questo momento svolte hanno dimostrato avere una funzione di tipo solo divulgativo, non potendo pertanto essere considerati atti pubblici”.

I pm ritengono, inoltre, prive di reale refluenza sugli indicatori le falsificazioni relative al numero di decessi, ciò in quanto tale dato – espressione di un contagio pregresso già conteggiato – non risulta tra quelli presi in considerazione dalla Cabina di Regia al fine del calcolo dei 21 indicatori.

La Procura, afferma inoltre che i “dati aggregati hanno una funzione secondaria per così dire conoscitiva, cioè quella di informare la popolazione sullo sviluppo della pandemia”.

“Ciò spiega – dicono i legali – perché questo ufficio nel modificare i capi di incolpazione provvisoria non abbia contestato la falsità indotta dei bollettini, che avendo una funzione solo divulgativa non rivestivano le caratteristiche dell’atto pubblico”.