19 Maggio 2021 Cultura

Esce oggi il videoclip di “Klan”, il singolo di Mahmood girato a Fiumara d’Arte

Esce oggi il videoclip di “Klan”, il singolo di Mahmood – disponibile in radio e su tutte le piattaforme digitali – che anticipa “Ghettolimpo”, il suo nuovo album in uscita l’11 giugno 2021.

Scritto da Mahmood e prodotto da DRD, “Klan” svela un nuovo tassello che compone l’universo raccontato in “Ghettolimpo”. I ritmi urban della canzone accompagnano un testo che racconta il mondo crudo della provincia e le dinamiche di aggregazione di chi vive quasi in simbiosi, come in un branco.

Il videoclip, diretto da Attilio Cusani, è stato girato in Sicilia, a Fiumara d’Arte (Parco dei Nebrodi, Valle dell’Halaesa), museo a cielo aperto e uno tra i più grandi parchi monumentali di arte contemporanea in Europa, voluto, ideato e donato dal mecenate e artista internazionale Antonio Presti. Presidente della Fondazione, da sempre si impegna in progetti legati alla tutela del patrimonio collettivo, promozione della cultura, educazione alla bellezza, diffondendo valori come l’impegno etico, la bellezza e la legalità, tutte tematiche che si sposano alla perfezione con ciò che Mahmood vuole comunicare con la sua musica.

Le riprese sono state effettuate nelle stanze dell’albergo-museo “Atelier sul mare”, e presso le sculture monumentali del parco: Piramide – 38° parallelo di Mauro Staccioli; “Energia mediterranea”, l’onda blu di cemento di Antonio di Palma collocata nei pressi di Motta d’Affermo; “Monumento ad un poeta morto”, la finestra blu sul mare firmata da Tano Festa nel territorio Villa Margi (comune di Reitano).

Anticipato dal singolo “Inuyasha” (disco d’oro) e da “Zero”, brano che fa parte della colonna sonora dell’omonima serie originale Netflix di cui ha curato anche un episodio come music supervisor, “Ghettolimpo” rappresenta un nuovo immaginario per l’artista che in breve tempo si è conquistato un posto fra i più importanti esponenti del cantautorato urban pop, con un tratto unico che lo distingue nel panorama contemporaneo.

L’album apre a un mondo dalle molteplici sfaccettature, dove ogni traccia rimanda a una sua simbologia e alla storia di un personaggio che, come nei vari livelli di un videogioco, si rivela all’ascoltatore brano dopo brano. Un universo popolato da dèi dell’Olimpo insieme a svariati personaggi, dove si uniscono le suggestioni tratte dai miti greci insieme alle esperienze di eroi moderni che vivono la loro quotidianità, cercando di superare gli ostacoli nelle diverse situazioni. Nel Ghettolimpo di Mahmood non troviamo figure onnipotenti appartenenti a un luogo irraggiungibile, ma la descrizione di semplici persone straordinarie che cercano di dare un senso alla propria vita.

Autore e cantante stimato nella scena italiana e internazionale, dopo gli ottimi risultati raggiunti con “Gioventù Bruciata” (disco di platino) e il successo planetario di “Soldi” (quadruplo disco di platino) con cui ha vinto la 69ma edizione del Festival di Sanremo, Mahmood ha dominato le Top 10 anche nel 2020 con “Rapide” e “Dorado” che saranno inseriti in Ghettolimpo, collezionando un totale di 15 dischi di platino, 6 dischi d’oro e oltre 400 milioni di streaming.