20 Maggio 2021 Politica e Sindacato

L’On. Meloni ospite dell’Istituto Jaci. I Giovani Democratici ‘sconcertati’

Pubblichiamo il comunicato stampa della Federazione e del Circolo dei Giovani Democratici di Messina, a firma di Massimo Parisi ed Erika La Fauci, sull’iniziativa politica organizzata dall’Istituto Jaci che vedrà protagonista l’onorevole di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. 

“Apprendiamo con sconcerto che, giorno 25 Maggio, l’Istituto “Jaci” organizza un’iniziativa politica, durante le ore curriculari, alla presenza di esponenti politici rigorosamente dello stesso partito. Infatti, dietro l’apparente presentazione dell’iniziativa come “incontro con l’autrice”, un Istituto pubblico cittadino ospiterà due Onorevoli di Fratelli d’Italia. 

La finalità politica dell’incontro, al limite dell’indottrinamento, è inequivocabile dal momento che l’On. Ella Bucalo viene presentata, dalla stessa circolare dell’Istituto, come Responsabile del Dipartimento Scuola di Fratelli d’Italia. 

Appare diseducativo che la popolazione studentesca venga utilizzata strumentalmente dalla propria scuola come pubblico per un’iniziativa di partito e  che l’Istituto scolastico diventi una tribuna elettorale o, ancora peggio, vista l’assenza di pluralismo, una finestra in cui un partito politico si affaccia per fare propaganda.

Ragioni d’opportunità avrebbero consigliato di evitare che l’evento assumesse una connotazione marcatamente politica o che, almeno, per salvaguardare l’onorabilità dell’Istituzione scolastica, si fosse fatto lo sforzo di organizzarla garantendo un contraddittorio. Purtroppo non è successo niente di tutto questo.

Anzi, per rendere la situazione più grave, la circolare si chiude prevedendo che “I docenti, secondo il proprio orario di servizio, vigileranno sugli alunni in presenza, provvederanno a mantenere il collegamento all’incontro per tutta la sua durata; avranno cura di rilevare le presenze degli alunni, valide come ore di PCTO e di riferirle successivamente ai tutor di alternanza”. 

Troviamo grave quanto accaduto, ancor più grave il messaggio che viene veicolato agli studenti: controllati e segnalati per la partecipazione ad un’iniziativa che non ha fini formativi. 

Per questo motivo chiediamo che si rimedi allo smacco recato all’Istituzione Scuola spostando l’iniziativa nelle ore extracurriculari e che venga pubblicizzata come organizzato da libere cittadine ed associazioni oltre che, ovviamente, dal partito politico. 

Concludiamo ritenendo che anche l’autrice apprezzerà questa premura nell’evitarle motivi d’imbarazzo visto che, il 14 febbraio 2020, sui social scriveva: “Solo io ritengo assurdo che gli studenti siano obbligati a subire la solita propaganda ideologica cara al pensiero unico?”. In quel caso, gli studenti avevano organizzato un’innocua assemblea d’istituto per parlare di identità di genere, senza peraltro alcun esponente politico.

Non osiamo immaginare l’imbarazzo dell’On. Meloni se diventasse, ovviamente nella veste di autrice, la protagonista di un pensiero unico per responsabilità di una scuola pubblica”. 

Leggi qui

LA FASCIO GIORGIA MELONI OSPITE DELL’ISTITUTO ‘JACI’ DI MESSINA. ED E’ GIA’ POLEMICA