30 Maggio 2021 Attualità

Messina: madre e figlia impiccate, parroco ‘Ale si sentiva emarginata, non accolta bene a scuola’

“Siamo tutti sgomenti, sono tragedie che agghiacciano il cuore e mettono inquietitudine. Conoscevo bene la piccola Alessandra. L’avevo accompagnata alla prima comunione…”. Padre Calogero Calanni, parroco della Chiesa San Nicolò di Bari di Santo Stefano di Camastra, fa fatica a parlare. Non riesce a capacitarsi per la morte di Mariolina Nigrelli, la donna di 40 anni trovata morta impiccata nella casa di campagna con la figlia di 14 anni, Alessandra. Racconta all’Adnkronos che la ragazza “si sentiva spesso emarginata, non era accolta positivamente dal contesto scolastico”. “Ci poniamo adesso delle domande – dice – cosa si poteva fare per esser più attenti e premurosi verso ogni famiglia, ognuno di noi è un mistero”. La famiglia di Alessandra “seguiva la ragazza”, dice ancora. “Poi c’è stata la fase del Covid che ha bloccato tutto, in questo periodo lungo del coronavirus – racconta ancora il parroco – e ha amplificato anche alcuni problemi e l’amarezza dell’esser soli, del non aprirsi”.

E dice che ieri sera “il paese è rimasto attonito, raggelato da questa terribile notizia”. “Chissà cosa è accaduto nella testa della madre, per fare quello che ha fatto”.