6 Luglio 2021 Attualità

Incentivi a dipendenti, condannati i dirigenti del Consorzio Autostrade Siciliane

I giudici della Corte dei Conti hanno condannato i dirigenti del Consorzio Autostrade Siciliano Gaspare Sceusa e Letterio Frisone a risarcire l’ente il primo per un milione di euro, il secondo con 115 mila euro. Secondo la procura contabile diretta da Gianluca Albo i due dirigenti del Cas tra il 2012 e il 2013 avrebbero erogato in favore di numerosi dipendenti compensi a titolo di incentivi progettuali in assenza dei requisiti di legge. La procura regionale aveva avviato il procedimento dopo la trasmissione dell’ordinanza di applicazione della misura cautelare del sequestro preventivo emessa dal gip del tribunale di Messina nel 2017 nei confronti di 57 dipendenti.

Dipendenti che nel 2018 sono stati rinviati a giudizio. Gaspare Sceusa nel corso del dibattimento aveva respinto ogni addebito affermando che i beneficiari degli incentivi erano funzionari e collaboratori e che l’impiego del personale interno aveva consentito un enorme risparmio di spesa pari all’80% delle somme che si sarebbero impiegate se si fosse ricorso a professionisti esterni.

Per i giudici le somme, percepite dai dipendenti del Cas a titolo di incentivi per la progettazione “non hanno – si legge nella sentenza – la comprovata la sussistenza dei requisiti minimi quali, da un lato, indispensabilità della progettazione in relazione agli interventi di manutenzione e la necessità della stessa per lavori di somma urgenza né, conseguentemente, il positivo accertamento delle specifiche attività svolte dai dipendenti tanto meno in relazione a problematiche progettuali di particolare complessità di cui non vi è traccia negli atti propedeutici e in quelli finali di liquidazione e di corresponsione dell’incentivo”.