Apple, trovata una falla in iPhone e iPad: utenti a rischio per anni

24 Aprile 2020

C’è una falla di sicurezza nell’applicazione Mail di Apple. La notizia buona è che è in arrivo una “patch”, una correzione del codice, da parte dell’azienda di Cupertino; la notizia cattiva è che questa falla potrebbe aver lasciato per anni gli utenti di iPhone e iPad esposti al rischio di furto dei dati. Con qualche vittima eccellente. A renderlo noto è la società di sicurezza informatica californiana ZecOps, che ha informato Apple nel mese di marzo. La compagnia di Cupertino ha assicurato che è in arrivo un aggiornamento per risolvere il problema.

La vulnerabilità è stata individuata su tutte le versioni del sistema operativo di iPhone e iPad a partire almeno da iOS 6, lanciato nel 2012 insieme ad iPhone 5. Gli esperti di ZecOps spiegano di aver scoperto la falla indagando su un incidente di sicurezza e sostengono che sia stata usata per carpire informazioni in almeno sei attacchi a “vittime di alto profilo”. Tra queste, dipendenti di una grande azienda Usa e di compagnie tecnologiche saudite e israeliane, un top manager di un operatore mobile giapponese, un vip tedesco e un giornalista europeo.

Per sfruttare la falla, gli hacker hanno inviato un messaggio di posta apparentemente vuoto che, una volta aperto dall’utente, manda in crash l’applicazione Mail e ne determina il riavvio, durante il quale gli hacker riescono ad accedere ai dati. Apple ha dichiarato a Reuters di aver messo a punto una patch di sicurezza, che sarà rilasciata con il prossimo aggiornamento. Nell’attesa, ZecOps consiglia di disabilitare Mail e di usare servizi di posta alternativi come Gmail di Google e Outlook di Microsoft.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione