È morto Raphael Coleman, star di ‘Tata Matilda’ e oggi attivista per l’ambiente

11 Febbraio 2020

Da ragazzino aveva raggiunto la popolarità grazie al personaggio di Eric Brown, uno dei bambini di Colin Firth in Tata Matilda, il film con protagonista Emma Thompson nei panni della tata che da brutta diventa bellissima mano mano che i figli di un vedovo imparano a diventare educati e rispettosi. A 25 anni, dopo aver abbandonato la carriera d’attore per la causa ambientalista e un lavoro come videomaker, l’inglese Raphael Coleman, è morto all’improvviso dopo un collasso durante una corsa.

L’annuncio è stato dato dai familiari sui social. Dopo il successo del film con Emma Thompson, che gli era valso anche un

Young Artist Awards, il ragazzino aveva partecipato ad altri tre film, poi la svolta ecologista. Con il nome “di battaglia” di Iggy Fox, Raphael guidava un gruppo dal nome Extinction Rebellion molto attivo sui social media e nelle manifestazion ambientaliste. “È morto facendo quello che amava, lavorando per la causa più nobile – ha scritto sua mamma su Twitter – La sua famiglia non potrebbe essere più orgogliosa. Celebriamo quello che ha realizzato nella sua pur breve vita e teniamoci cara la sua eredità”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione